Reteiblea

Passalacqua: arriva Agnese Soli, il primo acquisto è un gradito ritorno

Passalacqua: arriva Agnese Soli, il primo acquisto è un gradito ritorno
giugno 17
09:52 2017

Non era certo un segreto, visto che “radio tifoseria” ne parlava già da una vita, ma adesso c’è anche la conferma ufficiale della società: Agnese Soli (’87), play proveniente dalla Techedge Broni, sarà in biancoverde nella prossima stagione. Play di tipo classico, anche nella “taglia” (168 cm), Agnese ritorna ad indossare la maglia della Passalacqua, già indossata con eccellenti risultati in due stagioni magiche: quella della promozione in A1 e quella, immediatamente successiva, dello scudetto perso solo in gara cinque della finale. E’ stato lo stesso coach Gianni Recupido, che non ha mai nascosto di ritenerla una tra le giocatrici italiane di maggior spessore, e più sottovalutate, a “sponsorizzarne” l’acquisto, vedendo in lei “un elemento le cui caratteristiche tecnico-agonistiche si adattano alla perfezione alla squadra. Agnese è una degli ormai pochi play d’ordine ancora presenti nel massimo campionato: può essere considerata un play “puro” tipico, capace di portare ai massimi livelli la resa dell’intera squadra, che ho intenzione di impostare con tutte le giocatrici che attaccano il canestro. Certamente farà i suoi punti anche lei, ma il suo compito è ovviamente un altro: a mio avviso col suo arrivo abbiamo nel roster l’elemento giusto per ordinare e organizzare il nostro gioco, dettando i tempi e gli schemi”. Dopo esser andata via da Ragusa, Agnese ha indossato le maglie del Cagliari e per due anni del Broni: la scorsa stagione ha giocato un media di oltre 31 minuti, segnando 5 punti a gara, ottenendo anche la media di 3,5 rimbalzi e 3 assist. La soddisfazione per il ritorno in biancoverde traspare dalle sue prime dichiarazioni: “Sono contenta dell’opportunità offertami dalla società di ritornare a Ragusa, dove ho passato molti bei momenti. Arrivo in una squadra che mi sembra disporre delle basi giuste per consentirci grandi soddisfazioni: c’è un ottimo ambiente, persone molto disponibili e si può lavorare davvero al meglio. Credo che i presupposti siano ideali per far bene, divertirci e ottenere grandi risultati: avendo la fortuna di conoscere già molte giocatrici, posso contare su di un vantaggio che mi darà sicuramente modo di inserirmi nel gruppo nel modo migliore e più rapido. Mi impegnerò al massimo per dare il mio contributo ai traguardi che la società si propone di raggiungere”.

Articoli simili

Commenti