Reteiblea

Oro mondiale a Lipsia per Giorgio Avola

Oro mondiale a Lipsia per Giorgio Avola
luglio 27
18:18 2017

Già straordinario alle Olimpiadi di Londra del 2012, dove vincendo l’oro nel fioretto a squadre aveva ottenuto il maggiore, e più prestigioso, risultato “ogni tempo” di un atleta ibleo, Giorgio Avola, modicano, 28 anni a ottobre, Gruppo Fiamme Gialle dopo essere stato alfiere della gloriosa Conad Modica, ha arricchito il suo fantastico palmares con un un nuovo oro mondiale (il terzo), ancora nel fioretto a squadre. La prova di Giorgio è ancora più degna di nota in quanto determinante per la conquista del gradino più alto del podio: i suoi assalti nella finale contro gli Usa, segnati da una impressionante “striscia” positiva, hanno, infatti, consentito la rimonta dopo la partenza “sparata” degli americani, dando fiducia al gruppo e aprendo la strada verso il sofferto, ma meritatissimo, 45-41 conclusivo. Dopo il successo di Lipsia, ottenuto insieme con i compagni di squadra Garozzo, Foconi e Cassarà sotto la guida del dt Andrea Cipressa, il “ruolino di marcia” di Giorgio lo vede inserito a pieno titolo tra i grandissimi di sempre del fioretto: posizione doverosa per chi (finora) tra, individuale e a squadre,  in carriera ha conquistato otto ori (uno olimpico, tre mondiali e quattro europei), due bronzi mondiali, due argenti e tre bronzi europei, un oro ai Giochi del Mediterraneo, due titoli  sei argenti e due terzi posti ai campionati italiani. A tutto ciò vanno aggiunte le tante vittorie in gare di Coppa del Mondo e l’infinità di piazzamenti (anche individuali) immediatamente a ridosso del podio in ambito olimpico e mondiale.  Punta di diamante, insieme con Damiano Caruso, la Passalacqua e l’Andrea Licitra di pallamano (e tanti altri atleti e squadre degnissimi “comprimari), di uno sport ibleo che sta regalando un’annata davvero da ricordare in molte discipline,  Giorgio Avola sta vivendo una felicissima piena maturità tecnico-agonistica: da tutta la provincia, che lo segue con grande affetto, gli auguri per tanti altri podi e tante altre imprese sicuramente a portata di “tocco” del suo magico fioretto.

Articoli simili