Reteiblea

Originale concorso a Ragusa : i balconi fioriti.

Originale concorso a Ragusa :  i balconi fioriti.
ottobre 17
12:21 2018

Non siamo contro la differenziata e neanche contro l’Ati della ditta Busso ma l’immagine che vedete è ormai diventata consueta a Ragusa. I cittadini costretti ad utilizzare 4/5 contenitori per la raccolta quotidiana, in mancanza di spazi idonei in casa, devono attrezzare i propri balconi per la bisogna. Ripetiamo nulla di personale, riusciamo a comprendere l’esigenza, ma allora si devono trovare delle soluzioni che rendano più facile la vita ai cittadini. Intanto è stato appurato che noi siamo grandi produttori di plastica, saranno le bottiglie  o chissà altro, certo è che si formano sacchi enormi che poi non entrano neanche nei contenitori comuni fuori dai palazzi. Lo stesso è per altri rifiuti. Insomma occorre più raccolta per la nostra differenziata.

Poi registriamo anche la protesta dell’Ascom di Ragusa che addirittura paventa un “grande fallimento”  “Da una parte sicuramente,  dice l’Ascom, il grande vantaggio di avere raggiunto un buona percentuale sul fronte della differenziata forse mai ottenuta prima a Ragusa.
Dall’altra, però, il completo degrado di tutta la città, sia come decoro urbano che
come difficoltà di smaltimento dei rifiuti visto che ovunque vediamo cumukli di rifiuti ma  le vere difficoltà  sono per le attività commerciali. È impensabile che il calendario di raccolta dei rifiuti per i pubblici esercizi e per le attività commerciali in genere sia identico a quello per le famiglie. Impensabile lasciare più giorni in deposito l’umido che presenta all’interno cibo che va a deteriorarsi ed emana odori asfissianti. E poi, la quantità di vetro prodotta è immensa. E’ anche vero  l’Ati Busso deve giornalmente avere a che fare con l’inciviltà di numerose persone ma la raccolta dei rifiuti per le attività commerciali ha l’esigenza di avere un calendario che preveda tutti i giorni la raccolta di tutto oppure dei punti di raccolta con dei contenitori specifici relative alle attività commerciali che si hanno accanto per capire quali sono le esigenze maggiori”.

Articoli simili