Reteiblea

Modica Alta diventa il “Borgo degli artisti”: progettazione urbana con laureati anche dall’estero

Modica Alta diventa il “Borgo degli artisti”: progettazione urbana con laureati anche dall’estero
ottobre 03
12:16 2012

Recupero e valorizzazione di Modica Alta, attraverso un bando di progettualità urbana rivolto a giovani laureti. E’ quanto accadrà nei prossimi mesi in questa parte della città di Modica da decenni in fase di abbandono. Modica Alta racchiude tesori artisti unici e dimenticati. E’ luogo di arte e cultura millenaria. Dietro l’apparente indifferenza dei cittadini si scopre una vitalità solo sopita.

Cinque giovani ricercatori parteciperanno, in rappresentanza del Comune di Modica al “Laboratorio di Visioni Urbane Mediterranee”, un workshop dedicato alla progettazione partecipata di eventi artistici e culturali nel centro storico di Modica Alta, che si svolgerà proprio a Modica dal 10 ottobre al 10 gennaio, organizzato dall’Associazione Internazionale Mediterranean Planners L’iniziativa s’inserisce nel progetto “Borgo degli artisti” del Comune di Modica selezionato nel 2011 dall’Anci tra gli interventi a sostegno della “Creatività giovanile” finanziati dal Dipartimento della Gioventù della Presidenza del Consiglio dei Ministri, finalizzato alla formazione di giovani nel campo dello sviluppo e l’innovazione delle attività culturali e artistiche nei centri storici. Si tratta di un’occasione di riflessione sulle potenzialità del centro storico di Modica Alta. il laboratorio si propone, infatti, come spazio creativo di sperimentazione progettuale a supporto delle politiche urbane, indagando soluzioni concrete a problemi complessi attraverso il confronto metodologico, lo scambio scientifico e l’uso di un linguaggio innovativo. Si vogliono definire strategie sul recupero sostenibile del costruito e del tessuto sociale, sostenere lo sviluppo delle attività commerciali e artigianali, fino a stabilire nuovi percorsi di conoscenza delle importanti testimonianze storico-artistiche e nuove idee di riuso innovativo degli spazi pubblici. Le attività del laboratorio si baseranno sui principi del community planning con il coinvolgimento attivo degli abitanti del quartiere e di tutti i portatori di interessi che saranno sensibilizzati sui temi in oggetto. Con un finanziamento di 216 mila euro si darà anima e corpo a una nuova visione della parte alta di Modica. Una progettualità integrata con il sociale che vuole partire dal basso. Coinvolto nel progetto anche il Centro commerciale naturale di Francavilla, rappresentato dal presidente Paolo failla che ha organizzato la rete di accoglienza per i giovani che verranno da fuori per il laboratorio. Ma la selezione di cinque giovane laureati che porteranno avanti questo progetto è solo il primo passo di un’iniziativa più grande: nel 2013 si svolgeranno quattro workshop di artisti, che saranno coinvolti in un percorso di educazione e formazione all’integrazione urbana, con il coinvolgimento dell’associazionismo locale, già attivo e presente in questa parte della città. Il primo passo ora sarà la selezione dei giovani che hanno aderito al bando, oltre un centinaio da tutta Italia e anche dalla Spagna e dall’Olanda. Due giorni di prove che vedranno i partecipanti a spasso per Modica Alta armati di macchina fotografica, professionalità. Creatività e tanta passione.

Articoli simili