Reteiblea

Lettera aperta di Mariano Ferro alla stampa nazionale: “Quelli non sono Forconi, sono solo dei malati mentali con cui non abbiamo niente a che fare”

Lettera aperta di Mariano Ferro alla stampa nazionale: “Quelli non sono Forconi, sono solo dei malati mentali con cui non  abbiamo niente a che fare”
marzo 22
14:17 2017

“Ribadiamo per l’ennesima volta che i signori oggetto di perquisizioni da parte delle Forze dell’Ordine e che la stampa chiama Forconi non sono mai stati appartenenti al gruppo dei Forconi e non c’entrano nulla, assolutamente nulla, con l’unico vero “Movimento dei Forconi” esistente nel territorio italiano. Solo una nidiata di malati mentali che abbiamo denunciato in tutte le sedi e che si sono addirittura auto convinti di poter effettuare arresti. Ancora una volta ci ritroviamo a spiegare alla stampa nazionale che, i signori oggetto di perquisizione, non sono altro che furbi millantatori, che semplicemente si spacciano per Forconi. Ci affidiamo agli organi inquirenti e riponiamo la massima fiducia nel lavoro della magistratura nella speranza che una volta per tutte si possa fare chiarezza. Abbiamo protestato e contestato il sistema dei partiti, non condividiamo troppe cose della politica economica, vediamo tutti i giorni imprese che chiudono, lavoratori licenziati, famiglie varcare la soglia della povertà, ma non siamo disponibili a passare per soggetti da ricoverare in qualche centro di salute mentale.
Non abbiamo avuto nessun contatto diretto, ma ci risulta che ultimamente alla cricca dei furbetti dell’arresto facile, che professa legalità, ma che intanto tenta di rubare il nome ad altri, si sia aggiunto un ex Generale dei Carabinieri. Ci meraviglia che l’Arma non adotti alcun provvedimento su chi, sfruttando l’umana imbecillità, soffia sul fuoco, rasentando l’eversione ed infangando l’Arma. Un movimento che si è speso per tentare di cambiare le politiche economiche del paese che vedono giornalmente soccombere imprese e famiglie, non può sopportare di essere citato in tutta Italia come fosse un manipolo di malati mentali che va in giro ad arrestare chi ha distrutto il Paese. Esistono già i poteri dello Stato, non è compito nostro. Sulla politica nazionale abbiamo, come la stragrande maggioranza degli italiani, la nostra visione totalmente dissenziente su troppe cose, ma non possiamo che condannare e stare assolutamente alla larga da certi elementi che in giro per il Pese, col loro folle omportamento non aiutano di certo a risolvere i problemi che abbiamo in abbondanza. Speriamo solo che gli
organi inquirenti facciano il loro lavoro fino in fondo, nella speranza che in futuro non abbia a ripetersi ogni associazione a gruppi di facinorosi più volte hanno dimostrato di essere”.

Articoli simili