Reteiblea

Indietro di circa 30 anni………. ma speriamo bene!

Indietro di circa 30 anni………. ma speriamo bene!
Settembre 21
10:22 2018

Ci sembra di essere tornati indietro agli anni novanta quando questa provincia convinta delle proprie potenzialità, inespresse forse, chiedeva a gran voce maggiore attenzione dalle istituzioni. Era il momento della Vertenza Ragusa  che prendeva spunto dal famoso”modello Ragusa” che pur apprezzato e invocato dalle province vicine, veniva poi lasciato a consumarsi in un angolo. Ma quelle battaglie hanno dato qualche risultato.  forse ricorderete la questione petrolio quando si circondavano i pozzi di petrolio ( nella foto quelli di Via Achille Grandi) , anche le piattaforme a mare, per rivendicare un giusto ritorno economico e poi la questione agricoltura, le ASI  che venivano costruite e viaggiavano a mille, almeno da noi, l’idea dell’aeroporto come “volano” dello sviluppo, oggi in disgrazia(!!??) ed il mitico “patto per Ragusa” un centinaio di miliardi per le aziende della provincia. Insomma allora, forse, la compagine politica era compatta anche se di colore diverso e produceva risultati, favoriti in verità dalle generali capacità economiche regionale e nazionali. Ora siamo in serie D. Non volevamo la A e nemmeno la B  ma almeno la C cioè in terza fila . E non è così.  Da qualche parte però si tenta di rialzare la testa e accogliamo con piacere il tentativo dell’Associazione “Confronto” che si pone il problema della rinascita. Ecco il suo comunicato stampa.

Quella del Consiglio Direttivo dell’associazione Confronto è stata una seduta tanto partecipata quanto ricca di contenuti . Convocata  per  l’approvazione del programma della  futura attività sociale, la riunione, è stata caratterizzata dall’ampio  dibattito che ha fatto seguito alla relazione introduttiva del presidente Enzo Cavallo, e  dal quale sono scaturiti interessanti approfondimenti ed è emersa una analisi alquanto preoccupante sulle principali questioni  che investono il territorio ibleo e sono stati richiamati i limiti e le responsabilità di buona parte della classe dirigente provinciale.  “ Fino a qualche anno  fa quella di Ragusa è stata la provincia più avanzata sotto l’aspetto imprenditoriale e sul piano  produttivo, economico ed occupazionale. Oggi  non è più così e, viceversa, Ragusa  occupa paradossalmente gli ultimi posti  delle  graduatorie riguardanti i dati economici ed occupazionali regionali e nazionali. Una  realtà questa , per  fronteggiare la quale non bastano i protagonismi  isolati dei singoli rappresentanti  che, purtroppo,  per quanto apprezzabili spesso si rivelano inutili” . Da parte di tutti è stato affermato che, se non si ricorre al “gioco di squadra”  ed alla individuazione di azioni ben meditate e d adeguatamente  mirate,  difficilmente si riuscirà ad invertire una tendenza che ha già isolato  il nostro territorio che, così, rischia di essere definitivamente affossato con inimmaginabili conseguenze non solo per l’area iblea ma anche per l’intera economia siciliana tenuto conto dell’importanza imprenditoriale ed economica della provincia di Ragusa  (considerata per anni l’isola nell’isola) .  La classe politica iblea, negli ultimi  tempi ,  nei momenti in cui avrebbe dovuto mostrare il suo valore ed il suo peso, si è dimostrata debole, ininfluente ed  incapace di incidere laddove serviva e serve, subendo supinamente  le scelte e le imposizioni  verticistiche,  Palermitane e Romane. E le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti e chi ha un minimo di competenza sa quanto pesano per il territorio, per gli imprenditori e per i cittadini.  L’assenza, ornai da anni,  di un rappresentante ibleo nel governo regionale, è la dimostrazione di una paradossale inconsistenza di chi ci rappresenta. Da decenni  si assiste e si legge che c’è chi si batte per gli ospedali, chi lotta per l’autostrada, chi pensa per il raddoppio della Ragusa-Catania, chi chiede interventi per il Porto di Pozzallo, chi vuole risposte  per il futuro  dell’aeroporto di Comiso, del Corfilac, della Bonifica, ecc. Alla fine, non solo non si riscontra  lo sblocco di ciò che per decenni sembra essere a portata di mano, ma addirittura si deve prendere atto della  chiusura di strutture essenziali  quali la Camera di Commercio , del moderno e funzionale Palazzo di Giustizia  di Modica, ecc.

“Confronto “ dopo aver più volte e da tempo sollecitato  la individuazione , col coinvolgimento di tutta la classe dirigente iblea, di una vera e propria “cabina di regia” promuovere e portare avanti efficaci azioni unitarie con l’indifferenziato apporto di tutti, senza distinzione alcuna, a difesa dei complessivi problemi del  nostro territorio,  ritiene che sia  venuto il momento per mettersi tutti insieme per scatenare la “battaglia per l’area iblea”  attraverso una nuova “vertenza Ragusa” e per una  mobilitazione generale  senza limiti di tempo e di spazio per la dignità ed il riscatto di un’intero territorio meritevole di ben’altra attenzione.

E’ per questo che viene auspicato il superamento di ogni difficoltà per la normalizzazione democratica  e valorizzazione della ex Provincia Regionale cui va riconosciuto,  non solo una importante competenza di natura amministrativa,  ma prima d’ogni coso un  ruolo politico per il coordinamento di tutte le azioni necessarie per la complessiva difesa non solo degli interessi  del nostro territorio ma anche della dignità di ogni cittadino ibleo.

Articoli simili