Reteiblea

Il fine settimana delle squadre ragusane: nel pomeriggio il Pro Ragusa batte 4-1 la Virtus Ispica

Il fine settimana delle squadre ragusane: nel pomeriggio il Pro Ragusa batte 4-1 la Virtus Ispica
Dic 01
16:49 2018

Il fine settimana delle squadre ragusane nelle diverse discipline, è aperto dalla bella vittoria del Pro Ragusa, che in Prima Categoria ha affrontato sul sintetico dell’exEnal la Virtus Ispica.  Prima della sfida erano sei i punti dei ragazzi di Saro Cervillera contro gli undici degli ispicesi, ma la determinazione e la voglia di risalire la classifica  hanno consentito ai ragusani di annullare il gap, imponendosi con un netto e meritato 4-1. Sabato di lavoro anche per le giovani della Passalacqua, che nella serie B femminile, dopo la bella vittoria di Catanzaro, affrontano al PalaMinardi (18,30 – arbitri Parisi e Perrone di Catania) la Trogylos Priolo in una sfida difficile: ai due successi del quintetto guidato dal duo Baglieri-Lambruschi, le ospiti possono opporre le loro quattro vittorie (in parte vanificate dalla penalizzazione), ma “le aquilotte” sono comunque in grado di rendere la vita difficile a chiunque. Trasferta a Trapani per l’Ad Maiora di Aldo Leggio nello scontro diretto tra fanalini di coda: contro la locale Virtus (ore 17,30) per la formazione di coach Leggio è l’occasione giusta per puntare alla prima vittoria.  Chiude la lista degli impegni  del sabato la Key Jey Pallamano, sul parquet di Avola per dimenticare la (mezza) delusione del pari interno nel derby con lo Scicli. Al Palacolor, sabato scorso, sono mancate la concentrazione nei momenti decisivi e la tenuta alla distanza: logico che coach Saro Cappello abbia lavorato molto proprio su questo negli allenamenti per rifarsi con gli interessi contro avversari forti e motivati, guidati dall’ex Roberto Giuffrida.

Passiamo alle gare di domenica. Al Selvaggio (14,30 arbitro Saccà di Messina) contro il vice fanalino di coda Rosolini, il Marina di Ragusa,  caricato a dovere dall’impresa in casa della capolista, prova a confermare il gran momento e piazzarsi “bene” in zona play off. Il pronostico è tutto per la squadra del presidente Alabiso, ma ovviamente a patto di scendere in campo concentrati al massimo e di  evitare ogni rischio di sottovalutazione dell’avversario. A Modica (ore 14,30 – arbitro Campisi di Siracusa) un derby dal fascino e dal sapore antico per il Ragusa, lanciatissimo alle spalle (ma avendo già osservato il turno di riposo) della capolista. Gli azzurri hanno esattamente il doppio dei punti dei modicani, da poco affidati a La Vaccara e in chiara ripresa, ma il derby è derby e ci vorrà una grossa prestazione (comunque senza dubbio nelle possibilità dell’undici di Filippo Raciti) per confermare sul campo la differenza di spessore annunciata dalla graduatoria. Fuori casa anche il Rugby Ragusa, ma I Briganti di Librino (tra i quindici più da ammirare in tutta Italia per il loro impegno in favore dei ragazzi “a rischio devianza”) non dovrebbero essere un ostacolo difficile da superare in vista della fase interregionale per l’indiscussa capolista del girone.

Infine il basket. Al PalaMinardi la Passalacqua, che contro l’ex “bestia nera” Vigarano (ore 18 – arbitri Maschio di Firenze, Valleriani di Ferentino e Pazzaglia di Pesaro) ritrova Harmon dopo l’assenza forzata contro Empoli, punta a dare sostanza alla risalita in classifica. Il successo, d’obbligo, potrebbe avere risvolti “interessanti” considerando gli impegni dei quintetti che precedono le aquile, chiamate non soltanto a vincere ma anche a confermare di aver fatto ulteriori passi avanti sulla strada del completo recupero. Sul parquet  di Torrenova,  contro l’immediata inseguitrice Cestistica Torrenovese (ore 18, arbitri Cappello di Porto Empedocle e Licari di Marsala) la capolista Virtus difende il suo primato contro una tostissima immediata inseguitrice. Coach Massimo Di Gregorio probabilmente non arrischierà Alessandro Sorrentino, ancora con qualche “ragnatela da togliere” ma le attuali condizioni del suo quintetto (titolari e panchinari) motivano sicuramente la fiducia nella possibilità di tornare a casa dopo aver compiuto l’ennesima grande impresa di questa straordinaria stagione.

Articoli simili

Commenti

Iscriviti ai nostri canali