Reteiblea

EuroCup: Passalacqua vince a Gdynia (76-72) e sente odore di quarti di finale
gennaio 04
21:01 2018

Aquile sempre in vantaggio e risultato favorevole mai apparso in forse nella prima trasferta polacca della loro storia. Nella splendida Gdynia Arena, le biancoverdi sono state convincenti e determinate fin dalle battute iniziali, meritando di portare a casa dalla città baltica un  76-72, che con i suoi quattro punti di vantaggio nel complesso non premia quanto dovuto la superiorità messa in mostra e che impone una gara di ritorno al PalaMinardi (giovedì 11, ore 21,30) attenta e concentrata al massimo, ma che nello stesso tempo consente anche di guardare all’impegno di ritorno con una certa serenità. Coach Gianni Recupido ha mandato in campo soltanto sette delle undici giocatrici iscritte a referto, tenendo in panchina Spreafico, Miccoli, Rimi e Bongiorno: sia stata una necessità imposta da motivi di vario genere oppure scelta tattica, il risultato gli ha dato ragione in pieno e questa, in fondo, è l’unica cosa che davvero conta. Il risultato è stato costruito con una prova corale notevole sia in attacco sia in difesa e, prima di tutto, con i 32 minuti e 19 stratosferici secondi confortati da ben 29 punti di Astou Ndour, apparsa in certi momenti assolutamente incontenibile. Subito dietro lei Jessica Kuster, con 19 punti, poi la coppia Hamby-Consolini con 9, ma va ribadito il rendimento di tutto rispetto anche da parte del resto del gruppo. Domani la squadra volerà a Napoli, dove domenica sera (in diretta Sport Italia) affronterà la Dike di coach Nino Molino. Il ritorno a Ragusa e previsto nella mattinata di lunedì.

TABELLINO: Basket 90 Gdynia 72 – Passalacqua Ragusa 76

GDYNIA: Jankoska 8, Copper 24, Skerovic 5, Kotnis ne, Morawiec 12, Ossowska 3, Jakubiuk 2, Rembiszewska 4, Aleksandravicius 8, Vitola 6. Allenatore Vetra

RAGUSA: Consolini 9, Gorini3, Spreafico ne, Formica 6, Rimi ne, Miccoli ne, Soli 2, Bongiorno ne, Hamby 9, Kuster 18, Ndour 29. Allenatore Recupido

PARZIALI:14/23 -31/41-54/61-72/76 – ARBITRI: Aunkrogers (Lettonia), Catrix (Francia) e Chernova (Russia)

Articoli simili