Reteiblea

Il collegamento dell’aeroporto di Comiso e dell’autoporto di c/da Crivello con la SS 514 è in fase di completamento

Il collegamento dell’aeroporto di Comiso e dell’autoporto di c/da Crivello con la SS 514 è in fase di completamento
giugno 07
16:56 2018

“Sono tuttora in fase di svolgimento i lavori avviati dal Libero consorzio comunale di Ragusa che mirano a completare la bretella di collegamento tra l’aeroporto di Comiso e la Ss 514 Rg-Ct. Un’infrastruttura viaria di fondamentale importanza che, tra l’altro, non può non tenere conto della vicinanza dell’autoporto di contrada Crivello che il nostro Comune punterà a rendere pienamente operativo e che andrebbe a completare quel sistema di collegamenti che si rendono necessari per assicurare lo sviluppo del nostro territorio e la promozione dei nostri prodotti, soprattutto quelli ortofrutticoli”. Lo dice il vicesindaco del Comune di Vittoria, Andrea La Rosa, inserendosi nel dibattito che, in questi ultimi giorni, ha interessato il futuro delle principali opere infrastrutturali presenti sul territorio ibleo. “Il nostro Comune – continua La Rosa – come ha già anche assicurato il sindaco Giovanni Moscato, intende svolgere sino in fondo il proprio ruolo con la consapevolezza di dovere assolvere ad un compito ben preciso che è quello di un ente territoriale limitrofo allo scalo aeroportuale di Comiso e che, per crescere, può contare in futuro su una infrastruttura come l’autoporto. Un mix che può rivelarsi fondamentale per lo sviluppo economico a cui tutte le categorie produttive della nostra città anelano. C’è, però, una questione che occorre tenere ben presente. E cioè che dobbiamo favorire sempre di più, e in questo senso ce ne siamo già fatti portavoce presso le istituzioni competenti, la possibilità di creare il sistema necessario che ci consenta di remare tutti verso la stessa direzione, senza fratture e senza intoppi che rischiano di minare l’avanzata del processo sino addirittura a fermarlo. Bisogna guardare avanti in maniera positiva. Altrimenti rischiamo di perdere completamente di mira l’orizzonte che ci siamo prefissati”.

Articoli simili