Reteiblea

Buon appetito amici…!!

Buon appetito amici…!!
luglio 22
16:41 2012

AEROPORtobuonappetitoGli amici Toti Miccoli, Giacchi Angelo, Cirnigliaro Giovanni   dell’MPA di Vittoria hanno deciso di effettuare uno SCIOPERO DELLA FAME per l’immediata apertura dell’Aeroporto di Comiso. Loro sono  stanchi di essere MORTIFICATI come SICILIANI e soprattutto come Ragusani. Secondo il loro comunicato Il Governo e i Partiti che lo sostengono continuano a svendersi la Sicilia  e così fanno un appello ai cittadini della Provincia di Ragusa. Bisogna reagire scendendo nelle piazze e per le strade per difendere il Futuro che certamente potrà dare questa importante infrastruttura ai figli di questo territorio.  Così scrivono appunto i tre rappresentanti politici e se è vero che inizieranno uno sciopero della fame ad oltranza sarebbe il caso di chiamare i medici perchè sarà una cosa lunga, anzi lunghissima. Roba da morirci sopra, di fame si intende. Noi della redazione ci chiediamo come mai essendo l’aeroporto di Comiso sussidiario e a supporto di Catania la stessa società di gestione dell’aeroporto catanese non è riuscita a convincere l’Enav a svolgere il servizio, per esempio, per motivi di sicurezza e di protezione civile. Basta citare l’Etna e le sue eruzioni! Come è possibile che l’Enav non voglia fare assistenza al volo in un aeroporto già pronto che è di proprietà di un altro aeroproto che già paga il servizio?  Insomma non crediamo che basti un po di fame per sciogleire questi dubbi e trovare delle risposte soddisfacenti. Comunque grazie agli amici di prima e per rispetto della loro azione di protesta pubblichiamo l’intera nota che è stata inviata atutte le testate:

Siamo stanchi di essere mortificati e presi in giro da Governi Politici e Tecnici il cui unico interesse insiste a favore del Nord del Paese emassacra ogni legittima aspettativa di sviluppo del Meridione di Italia ed in particolare della Sicilia. Sono giorni questi in cui il cancro di tutta la crisi economica italiana pare essere la Sicilia, ci sono Partiti Politici Nazionali e Mass Media che non fanno altro che parlare degli innumerevoli sprechi della Sicilia, accusando la stessa di fare Assistenzialismo e di avere un elevato numero di dipendenti pubblici, di contro ci bloccano ogni infrastruttura fondamentale allo sviluppo economico che darebbe certamente l’imput all’iniziativa economica privata unica in grado di creare  occupazione per migliaia di siciliani.  L’Aeroporto di Comiso, l’Autostrada Ragusa-Catania, l’Autostrada Siracusa – Gela, segnata nelle cartine da almeno 30 anni e mai realizzata, la distruzione delle Ferrovie dello Stato…. queste rappresentano l’evidente disegno delle classi politiche che hanno governato l’Italia a danno della Sicilia, del Suo futuro e del Suo sviluppo. L’esempio per eccellenza è determinato dalla TAV al Nord e il Ponte sullo Stretto in Sicilia, mentre per il primo lo Stato, con l’avallo di quasi tutti i Partiti Nazionali, pur di realizzare l’opera avversata dalle comunità locali manda l’esercito, in Sicilia per il Ponte, che oltre ad essere stata come la TAV identificata come un’opera strategica per l’Europa e tra l’altro apprezzata e richiesta dalla maggioranza dei siciliani e dei calabresi, si fa di tutto per impedirne la realizzazione e per distarne i fondi!  Lo stesso sta accadendo per l’Aeroporto di Comiso, dopo aver speso milioni di euro di soldi pubblici e privati, nonostante le innumerevoli inaugurazioni, si fa circolare la voce che l’Aeroporto non è di interesse nazionale, forse è invece di Interesse Nazionale quello di Rimini, o forse quello di Forlì, o forse quello di Pisa o quello di Bergamo…, questi sono tutti aeroporti che distano solo qualche decina di km da importanti aeroporti quali quelli di Milano, Firenze, Bologna e ciò nonostante sono stati realizzati, sovvenzionati dalle tasse pagate anche dai siciliani ed hanno dirottato nei loro territori imponenti flussi turistici consentendone uno sviluppo economico rilevante.  Considerata la grave crisi economica che sta colpendo e mietendo giornalmente le imprese che sono costrette a licenziare quando non falliscono, crisi che sta colpendo tutti i settori: da quello agricolo a quello artigianale, da quello industriale a quello turistico di tutta la Provincia di Ragusa, e ritenendo fondamentale e non più procrastinabile l’apertura dell’aeroporto di Comiso, non volendo più attendere passivamente gli eventi, decidiamo di attuare una manifestazione di protesta “SCIOPERO DELLA FAME” che ci vedrà coinvolti, in prima persona e ad oltranza, per ottenerne l’apertura! Pertanto,facciamo APPELLO

Al Presidente della Regione Sicilia On. Raffaele Lombardo di portare al tavolo della discussione con in Presidente del Consiglio Mario Monti la questione “apertura immediata dell’aeroporto di Comiso”. 

Inoltre, ci rivolgiamo a tutti i cittadini della Provincia Regionale di Ragusa, delle Province limitrofe, alle Istituzioni, agli Imprenditori, alle forze sociali e a tutta la classe Politica (di qualsiasi partito e a qualsiasi livello) di unirsi, ognuno con i propri mezzi, in questa importante protesta di difesa del territorio e delle legittime aspettative di sviluppo che avrà inizio lunedì 23 luglio c.a. dalle ore 10:00 davanti l’ingresso dell’Aeroporto di Comiso a ridosso della strada provinciale Vittoria – Svincolo Ragusa Catania.    
                                                                   

                                                 

Articoli simili