Reteiblea

Anche a Ragusa è nata la Condotta Slow Food

Anche a Ragusa è nata la Condotta Slow Food
aprile 27
17:22 2014

lo scorso 23 marzo si è costituita, a Ragusa, la Condotta Slow Food,  dopo un affiancamento alla già esistente Condotta di Modica, alla presenza del consigliere nazionale dr. Carmelo Maiorca, presso la Scuola di alta Cucina NOSCO .

Slow Food, è un’associazione non-profit che conta 100.000 membri in 150 paesi del mondo. Fondata da Carlin Petrini nel 1986, si pone l’obbiettivo di promuovere nel mondo il cibo buono, pulito e giusto. Buono da mangiare, per le sue qualità organolettiche, ma anche per i valori identitari e affettivi che si porta dietro. Pulito perché prodotto in modo ecosostenibile e rispettoso dell’ambiente. Giusto perché conforme all’equità sociale durante la produzione e la commercializzazione.

“A Ragusa, espressione di tradizioni e cultura,  patrimonio dell’UNESCO, dopo un decennio – come dice  la fiduciaria dr.ssa Lina Lauria – per valorizzare tale identità nasce la  nuova Condotta , che conta circa 80 soci attivi e direi entusiasti e pronti a promuovere e collaborare per iniziative coerenti alla filosofia di Slow Food ”

Il Comitato di Condotta, cioè il  gruppo di base eletto durante la prima Assemblea , rappresentato da diverse professionalità sia dell’ambito ristorativo che educational , è così composto :
Dr.ssa Lina Lauria – (Fiduciaria)
Dr. Salvatore Majorana -(Segretario e vice-fiduciario)
Ing. Giorgio Battaglia -(Tesoriere)
Sig. Peppe  Barone -chef
Sig. Giorgio Battaglia -collaboratore
Prof. Giorgio Comitini ( collaboratore Social Network)
Sig. Franco Digrandi -chef
Dr. Lorenzo Lauria (responsabile comunicazione )
Prof.ssa Giada Ragusa –collaboratrice
Sig.ra Federica Scribano- giovane collaboratrice

Sull’intento di una convivialità misurata , vari sono gli obiettivi che la Condotta di Ragusa si prefigge nell’arco del prossimo quadriennio 2014-2018 :
Valorizzazione dei numerosi prodotti iblei da inserire nell’Arca del Gusto ( dal Fungo di Carrubo alle verdure spontanee, all’uva “muscatedda”, ai dolci antichi )
Degustazioni guidate dei vini e degli olii del territorio e percorsi eno-gastronomici
Approfondimenti sulla qualità del formaggio
Divulgazione dei prodotti dei Presidi Slow Food, che in Sicilia sono 38 di cui alcuni del territorio Ibleo (l’ Asino ragusano, la razza bovina Modicana, il fagiolo “cosaruciaru” di Scicli, la fava cottoia di Modica, la cipolla di Giarratana )
La riscoperta dei grani antichi e la valorizzazione dei mulini ad acqua
Incontri presso librerie locali con Autori e collaborazioni con Legambiente e la LILT di Ragusa

Come obiettivo nel medio-lungo periodo vi è la costituzione di un Archivio degli Altipiani Iblei e la Rivalutazione e riproposizione quotidiana della Dieta Mediterranea Tradizionale, la cui importanza in termini di salute è supportata da numerose ricerche scientifiche –

I suddetti punti sono stati illustrati in occasione di un incontro al Comune mercoledì 23 Aprile U.S. al Sindaco di Ragusa Ing. Federico Piccitto e al consigliere comunale Gianluca Leggio , i quali hanno apprezzato le linee programmatiche  del gruppo , evidenziando il ruolo che Slow Food possa svolgere nell’inserimento del Progetto relativo alle mense scolastiche per inserire un menu mediterraneo ,a partire dal pane fatto con il nostro grano duro !

E per in occasione di SLOW FOOD DAY , previsto a fine Maggio  in circa 300 città d’Italia,   il Comune di Ragusa sarà il principale partner delle iniziative programmate nella nostra città.

Articoli simili