Reteiblea

Ad Irene Minissale il primo premio di #met2b,

Ad Irene Minissale il primo premio di #met2b,
agosto 21
21:00 2017

Con “Artificialia”, coinvolgente opera di denuncia sociale, Irene Minissale ha vinto il primo premio di #met2b, il progetto di arte urbana promosso dal Met a Marina di Ragusa, chiusa dalla divertente cerimonia di premiazione, seguita dalla spassosa asta di vendita, tradizionale momento finale per ogni edizione dell’Urban Art MEeTing, l’atteso appuntamento artistico e creativo, curato dai direttori artistici Elisa Muccio e Danilo Dimartino e promosso da Thomas Battaglia del Met.. “In un futuro non troppo lontano, i giardini, come sono oggi, forse non esisteranno più: distese di erba sintetica senza bisogno di irrigazione, asettiche, senza profumi e odori, illuminate rigorosamente da luce artificiale. Flora e fauna meccanica e radiocomandata: una fredda imitazione della vita. 100% effetto reale”. La qualifica giuria ha assegnato anche un premio speciale all’opera “To bee or not to bee” di Irene Meli e ben sei menzioni speciali (imposte dall’elevato numero di voti ottenuto): a “Insaziabeele” di Marta Terranova e Dario Boncoraglio, “Bee house” di Salvatore Ciantia, “A Lapa ri Enzu (u’mpallatu)” di Alessandro e Angelo Ferreri, “Cliff Diving” di O-HA, “Ap(p)eso ad un filo” di Enzo Di Leone e a “Nun ci capi” di Antonio Pedroli. Grandissimo anche il successo della pagina Facebook, che ha superato i livelli già molto alti della passate edizioni: il premio socia, andato a “Be(e)hind, ciò che sta dietro” di Serena Ballirò, Emanuele Leggio, Sara Paternò e Angelo Vivera, ha avuto più di 1.000 like. A guidate tempi e ritmi del divertimento la verve di Alessio Boschi, conduttore radiofonico nell’insolita veste del battitore d’asta, e della simpaticissima spalla Fabio Lazzara: Piazza Torre è stata affollata dai tanti impegnati nella partecipazione all’asta per aggiudicarsi una delle 51 opere realizzate nell’edizione 2017: tema “le api e il loro straordinario e affascinante mondo”. Gli autori hanno realizzato le loro opere partendo da speciali celle, che esposte sulla parete frontale del Met componevano un alveare gigante. Maggiori info sui partecipanti, i lavori e la giuria su www.facebook.com/metsicilia. Nelle foto: in evidenza la vincitrice Irene Minissale, nell’articolo (dall’alto in basso) l’opera premiata, il premio speciale a Irene Meli, il premio social  e il pubblico) 

Articoli simili