Reteiblea

Interventi di manutenzione sulla Ragusa Catania

Interventi di manutenzione sulla Ragusa Catania
Marzo 30
11:152021

Per tali manutenzioni, relativamente ai fossi e alle buche presenti dal km 2 al km 7, partendo da Ragusa i lavori di ripristino sono stati consegnati già da due settimane all’impresa Colombrita di Catania e che, tuttavia, deve ancora produrre ulteriore documentazione rispetto a quella richiesta per potere dare il via agli interventi che saranno effettuati dalla ditta Ancione di Ragusa. L’ammontare delle opere è di circa due milioni di euro. Oltre al tratto in questione, saranno interessati quello del km 26 nei pressi di Mazzarrone e un altro vicino a Vizzini. E’ stata fornita anche una data presunta di completamento di queste opere, cioè la fine di maggio. Ultimati questi tratti di strada, l’Anas ha assicurato che saranno effettuati altri interventi sulla 194 e sulla 115, laddove si rende più necessario un intervento specifico”. A farlo sapere ai cittadini è il consigliere comunale Firrincieli che si è messo in contatto con l’Anas in seguito diverse segnalazioni. Ma non è finita qui l’esponente del M5S sottolinea che “dall’Anas è arrivata una richiesta per interessare il Comune a intervenire, con riferimento ai tratti di competenza dell’ente in ordine alle tre strade statali di cui stiamo parlando (514, 194, 115), per fare in modo che le piazzole di sosta possano essere liberate dalle discariche abusive che spesso si vanno a formare. E’ n triste fenomeno di cui si è preso atto parecchie volte e rispetto a cui, però, l’Anas non ha i fondi per intervenire. Sarebbe dunque opportuno, oltre a sensibilizzare la cittadinanza a evitare di abbandonare rifiuti lungo i cigli stradali e per di più nelle piazzole in questione, se si potesse predisporre, da parte del Comune, la pianificazione di un’azione complessiva tesa a liberare le aree di cui stiamo parlando dai cumuli di spazzatura esistenti. Al contempo, conclude Firrincieli solleciteremo il sindaco all’effettuazione di maggiori controlli nei siti in questione per evitare che le discariche abusive si riformino”.

About Author

Direttore

Direttore

Related Articles