Reteiblea

Scintille tra l’assessore Iacono ed il segretario PD calabrese

Scintille tra l’assessore Iacono ed il segretario PD calabrese
Dicembre 30
23:402020

Che non corresse buon sangue tra i due politici ragusani si sapeva da tempo e così, ogni volta che si presenta l’occasione, lo scontro dialettico, tra loro, produce scintille incandescenti. Il caso di oggi scaturisce da una accusa di Calabrese nei confronti dell’amministrazione, e quindi dell’assessore Iacono quale responsabile del bilancio, colpevole di non aver saputo approvare il bilancio in tempi utili mettendo la gestione economica cittadina in grave difficolta. La piccata risposta di Iacono non si è fatta attendere:

Nel tempo in cui ancora vige lo stato di emergenza proclamato il 31/1/2020 e dove,
purtroppo, diventa difficile incontrarsi e svolgere i quotidiani gesti delle relazioni
umane che ci sia qualcuno che si diletta a raccontare frottole e suscita una sana e
naturale risata non è certo negativo.Abbiamo letto le dichiarazioni del segretario locale del Pd, sulla mancata approvazione da parte del Comune di Ragusa del bilancio preventivo 2021 entro il 31/12/2020. Vogliamo pensare che questo ‘scandalo’ denunciato dal segretario del Pd a dileggio del
Comune di Ragusa sia una colossale svista, un prolungamento di lockdown
conoscitivo perché è il decreto n. 34 (cosiddetto rilancio) del 19 maggio 2020 al
comma 3-bis dell’art. 106 che prevede il differimento per la deliberazione del
bilancio di previsione 2021 al 31 gennaio 2021 anziché nel termine ordinatorio del
31 dicembre 2020. Non si comprende, pertanto, di cosa parla il Pd locale sul
Comune di Ragusa se siamo all’interno della normativa vigente emanata, peraltro,
dal governo del PD e per tutti gli 8.000 Comuni d’Italia .
Ma a questo punto prendiamo spunto da questa spiritosa svista di Calabrese per
ribadire ai Cittadini che il Comune di Ragusa il 31/12/2019, per la prima volta nella
sua storia con l’Amministrazione Cassì e con Assessore al bilancio il ‘non esperto’
Iacono, ha approvato il bilancio preventivo per l’anno successivo entro il termine del 31 dicembre dell’anno precedente ed è bene dire che è stato il primo capoluogo in
Sicilia ad approvarlo e tra i pochi Comuni in Italia.
Ma Calabrese non ci sta e all’ironica e pungente nota risponde mettendo da parte il fioretto.
All’assessore Iacono, non avendo fatti concreti da presentare a propria difesa, rimangono solo le offese e le frottole, in questi due campi è bravissimo, peccato non ci siano assessorati ad hoc. Al professorone, in Giunta senza consiglieri, non possiamo suggerire di tornare a scuola – è professorone! – ma possiamo consigliare di seguire le buone abitudini della politica, cominciando con la coerenza. Qualità, quest’ultima, non presente tra quelle dell’assessore se ci si sofferma a ricordare i suoi trascorsi politici: da sinistra a destra e viceversa, passando dai grillini (rinnegati con sdegno) per approdare, adesso, in questa Amministrazione di destra – ma guai a mettere etichette! – sostenuta da post fascisti e leghisti.
Non ci faccia la morale, assessore “professorone” Iacono, dei suoi insegnamenti ne facciamo volentieri a meno, anche in materia contabile. Il Partito Democratico, su questo piano, è abbastanza preparato da capire quando qualcuno si arrampica sugli specchi. Circostanziare alcuni aspetti di un quadro più ampio è un trucchetto da poco e non si addice a un professorone… I ragusani sanno bene come stanno le cose: a Ragusa le tasse galoppano e, mentre il canone idrico è alle stelle e la TARI è tra le più onerose d’Italia, precipitiamo velocemente verso gli ultimi posti in tutte le classifiche di merito tra i capoluoghi di provincia. ……………… Quanta leggerezza nelle scuse accampate! Ci chiediamo per quanto tempo ancora tenterà di offendere gli altri, con la superbia che lo contraddistingue, per coprire le proprie carenze. Forse fino al prossimo cambio di casacca. Stiano tranquilli i ragusani, ci vogliono almeno due anni, a ridosso delle prossime elezioni vedremo, per adesso è troppo impegnato a tenersi stretta la poltrona per fare piroette”.
E meno male che per ora non si sono incontrati di persona perchè c’è il rischio che dalle parole si passi….. alle vie di fatto!!

About Author

Direttore

Direttore

Related Articles