Reteiblea

BAPR: cessione dei crediti deteriorati

BAPR: cessione dei crediti deteriorati
Dicembre 28
22:56 2020

Nei giorni scorsi Bapr ha realizzato una nuova operazione di cartolarizzazione di
crediti deteriorati, finalizzata a migliorare ulteriormente la qualità dell’attivo ed a
consolidare la sua posizione patrimoniale.
La Banca ha infatti partecipato, insieme ad altre 14 banche italiane, ad
un’operazione di cessione di crediti in sofferenza “multi-originator”, coordinata
dalla Luzzatti S.p.A. ed avente complessivamente ad oggetto un portafoglio di circa
920 milioni di euro, composto, per il 59 per cento, da linee di credito garantite da
ipoteche di primo grado (o senior) e, per la restante parte, da posizioni garantite da
ipoteche di grado successivo al primo o chirografarie.
Il portafoglio ceduto da BAPR ha un valore nominale lordo di circa 71 milioni di
euro ed è composto, per il 54 per cento, da crediti ipotecari senior.
I crediti sono stati ceduti ad un veicolo di cartolarizzazione costituito ai sensi della
L. 130/99 e denominato POP NPLs 2020.
Per finanziare l’acquisto, il veicolo ha complessivamente emesso, il 23 dicembre
scorso, tre classi di titoli ABS:
 una senior note di euro 241,5 milioni, corrispondente al 26,3% del valore
lordo, dotata di rating BBB da parte delle agenzie DBRS e Scope Ratings;
 una mezzanine note di euro 25 milioni, corrispondente al 2,7% del valore
lordo, dotata di rating CCC da parte di DBRS e CC da parte di Scope
Ratings;
 una junior note, non dotata di rating, pari a euro 10 milioni.
Per la tranche senior verrà quanto prima inoltrata istanza al MEF per l’ottenimento
della garanzia statale GACS.

L’operazione ha avuto come co-arranger JP Morgan e Banca Akros ed è stata
svolta con il supporto dell’advisor finanziario KPMG Advisory e degli studi legali
Cappelli RCCD, Chiomenti e Orrick.
Credito Fondiario agirà in veste di Master Servicer dell’operazione, mentre Credito
Fondiario e Fire sono stati nominati Special Servicer. Banca Finint (divisione
Securitisation Services) e BNP Paribas Securities Services svolgeranno,
rispettivamente, le funzioni di Corporate Servicer, RoN, Calculation Agent e
Paying Agent.
BAPR, come già lo scorso anno, ha coordinato le attività di regolamento dei titoli
tra tutte le banche partecipanti all’operazione.
“Con questa operazione – dichiara il Direttore Generale Saverio Continella –
abbiamo raggiunto con ampio anticipo i traguardi che ci eravamo prefissati per la
fine del 2021. E il tutto, è il caso di ricordarlo, nel corso di un’emergenza sanitaria
e di una conseguente crisi economica che si possono certamente considerare una
sfida del tutto inattesa, per noi e per l’intero sistema. Con la soddisfazione del caso
vorrei quindi sottolineare la portata dell’intervento, ultimo atto di un eccezionale
percorso condotto nel biennio 2019-2020: le ripercussioni sulla qualità dei nostri
attivi sono evidenti, con tutti gli indici sul credito che si attesteranno, per l’esercizio
in corso, assolutamente in linea con i dati di sistema. Ultima, ma non per ultima,
una nota in merito all’efficace e proficua collaborazione con tutte le società
specializzate coinvolte nel progetto e con le altre quattordici banche italiane,
diverse per dimensioni, caratteristiche, territori di riferimento”.

About Author

Direttore

Direttore

Related Articles