Reteiblea

A Ragusa è crisi nera anche per il petrolio.

A Ragusa è crisi nera anche per il petrolio.
Ottobre 07
13:07 2020

In tempi così difficili ci si accorge che una risorsa essenziale per l’economia ragusana si sta perdendo ma non a causa dell’esaurimento naturale della stessa ma perchè mancano gli investimenti nel settore e si è succubi di una errata visione del problema. Parliamo delle Royalty generate dalla estrazione petrolifera, la conseguente perdita dei posti di lavoro, tutto l’indotto e forse anche di più in termini di insediamenti industriali.
Ci arriva una nota dei sindacati del settore che esprimono la loro preoccupazione.
Ma al di là dei legittimi appelli generalizzati, a Ragusa, città che da sempre ha avuto notevoli riscontri dal petrolio, è il momento di prendere delle decisioni importanti infatti, considerando che non si parla di risorse esaurite ma mancanza di attenzione per il problema crediamo giusto che i responsabili economici della città prendano posizioni nette in un modo o nell’altro.. Ecco la nota.

Il lockdown in Italia ha generato un crollo della domanda di petrolio del 70, 80%. A questo aggiungiamo la caduta verticale del prezzo del petrolio sui mercati internazionali, per le società petrolifere c’è stato un ammanco di cassa superiore ai 4 miliardi. La parziale ripresa della mobilità e dei consumi di energia porterebbe comunque a fine anno un fatturato fortemente ridimensionato. Le produzioni di petrolio a Ragusa sono ferme. Il sindacato teme il peggio e in una nota inviata a Enimed dichiara che “occorre ripristinare le attività e servire le manutenzioni necessarie ai pozzi per la continuità produttiva dei giacimenti ragusani. È inaccettabile e ingiustificato il fermo delle estrazioni in quota Enimed, nel nostro territorio”.

Le segreterie di Filctem, Femca e Uiltec denunciano che la situazione del petrolio coltivato ed estratto a Ragusa rischia di precipitare da un momento all’altro.

«Abbiamo assistito in questo ultimo anno a un inarrestabile abbassamento dei livelli quantitativi di estrazione di idrocarburi dalle concessioni minerarie Eni della provincia di Ragusa. E non solo. Fermo anche il campo Tresauro, in cui la società Enimed è in compartecipazione con Edison e Irminio. L’assemblea  tenuta da queste segreterie territoriali scriventi al Centro Oli Enimed di Ragusa, giorno 30 settembre,  presenti tutti i lavoratori, ha rinsaldato le nostre più vive apprensioni. I lavoratori, a tutti i livelli, sono fortemente preoccupati. In soldoni: Eni non estrae più petrolio in provincia. Abbiamo perso il 90% della produzione in meno di un anno, senza un ragionevole motivo. Ed è per siffatta, incomprensibile, criticità nella gestione delle produzioni ragusane che abbiamo chiesto un incontro urgente alla spettabile società Enimed».

Le segreterie sindacali hanno formalmente riferito al Sindaco della città di Ragusa la criticità delle produzioni Enimed, con tutto ciò che ne consegue anche in termini di versamento delle royalties per la collettività.

About Author

Direttore

Direttore

Related Articles