Reteiblea

Ragusa – Stop alle villette in zona agricola

Ragusa – Stop alle villette in zona agricola
Maggio 30
17:23 2020

Dopo l’ordinanza del 25 settembre 2015 con cui il TAR di Catania aveva sancito che nelle aree tutelate dal Piano Paesaggistico di Ragusa chi vuole costruire in zona agricola deve dimostrare di svolgere la professione di agricoltore, ora giunge la sentenza del CGA n. 325 del 20 maggio 2020 che dichiara che su tutto il territorio del comune di Ragusa dalla montagna al mare , e non solo nelle zone tutelate, gli unici soggetti autorizzati a poter costruire una abitazione in zona agricola sono sempre e soltanto gli agricoltori, e che costruire in zona agricola più unità immobiliari e venderle è considerata lottizzazione abusiva. I giudici amministrativi hanno confermato definitivamente che la
corretta lettura dell’art. 48 del PRG sulla zona agricola è quella che ha sempre sostenuto Legambiente: non si possono costruire residenze civili in zona agricola.

Lega ambiente ha poi commentato lo storico risultato raggiunto: “Dopo 12 anni all’insegna di delibere di consiglio comunale intrise di falsità pur di permettere agli amici di costruire villette in campagna, di informazioni fuorvianti fornite da dirigenti del comune di Ragusa alla Regione Siciliana per fare archiviare le ispezioni richieste da Legambiente , di ostacoli alle richieste di accesso agli atti presentate dall’associazione, di lettere anonime di minacce ai dirigenti di Legambiente, la verità è stata finalmente ristabilita. Il paesaggio e l’ambiente sono beni di tutti e non a disposizione di pochi. Chi ha interesse a vivere in campagna può sempre farlo ristrutturando edifici esistenti e non ha che l’imbarazzo della scelta. Sono migliaia gli edifici rurali abbandonati o dismessi da ristrutturare anche di pregio, come peraltro diversi cittadini hanno cominciato a fare. Ci aspettiamo ora che il comune di Ragusa non rilasci più concessioni edilizie per villette residenziali in zone agricole e che i principi dell’art. 48 siano interamente inseriti nel nuovo PRG. Dopo l’emergenza sanitaria anche a livello locale è necessario ripartire dalla green economy. Basta più cemento nelle nostre campagne. Storica vittoria per Legambiente: la campagna e i paesaggi iblei di Montalbano sono salvi”.

Foto di repertorio

About Author

Stefano Ferrera

Stefano Ferrera

Related Articles