Reteiblea

L’Asp chiede scusa per i ritardi ed accelera. Intanto ecco la situazione dei ricoverati

L’Asp chiede scusa per i ritardi ed accelera. Intanto ecco la situazione dei ricoverati
Aprile 16
17:29 2020

E’ stato più volte segnalato il problema dei tempi d’attesa troppo lunghi sia per ottenere l’effettuazione del tampone sia averne l’esito. Ci sono casi di persone che hanno superato le 3 settimane di isolamento con situazioni familiari allo stremo e non fanno altro che telefonare e chiedere il rispetto della dignità di ognuno. Oggi l’ASP di Ragusa, in ossequio alle direttive regionali, ci comunica che ha il compito di garantire esami con tamponi per la diagnosi del CoViD19 per pazienti in Pronto Soccorso, il personale sanitario, i cittadini che hanno concluso l’isolamento, gli operatori delle forze dell’Ordine e dei corpi di polizia municipale oltre che per la popolazione dei migranti ospitata presso gli hotspot della provincia. Tale esigenza ha prodotto un numero di tamponi ben superiore alla capacità lavorativa del laboratorio dell’ASP – pari a 80/100 tamponi al giorno – che, peraltro, ad oggi non è ancora stato rifornito dei kit di reattivi per l’estrazione dell’RNA – (sigla dell’ingl. RiboNucleic Acid) Acido nucleico presente nel nucleo e nel citoplasma di tutte le cellule -, nonostante le rassicurazioni di fornitura da più parti giunte. Al fine di riuscire a processare il più alto numero possibile di tamponi si è provveduto a contattare tutti i laboratori accreditati dalla Regione chiedendo la disponibilità alla lavorazione di tamponi. Grazie anche all’autorizzazione dell’Assessorato regionale l’ASP, finalmente, oggi ha così potuto inviare un numero pari a 370 tamponi ai laboratori disponibili, che si aggiungono a quelli trattati, direttamente, presso il Laboratorio di microbiologia del Giovanni Paolo II, consentendo lo smaltimento dei campioni in arretrato nei prossimi giorni. In questo modo si potranno dare risposte ai molti cittadini che attendono l’esito dei tamponi per potere concludere l’isolamento obbligatorio. L’asp aggiunge che per la corretta esigenza di cautela, imposta dall’Autorità regionale, il laboratorio e imicrobiologi, che lavorano h24, non possono far fronte da soli ed è spiacente per avere imposto una attesa più lunga, rendendosi conto , dalle numerose note che ogni giorno pervengono, dalle lettere anche minacciose e dalle denunce alla stampa, che tanta gente non può o non è disposta ad attendere.

Intanto ecco la situazione dei ricoverati nell’ospedale “Maggiore” di Modica:

4 ricoveri in Terapia intensiva, un giovane di Gela è stato “stubato” ma resta in osservazione, e 1 ricovero in Malattie Infettive. Nella giornata di ieri, infine, i circa 80 tamponi esaminati hanno dato, fortunatamente, esito negativo, mentre sono iniziati i prelievi dei tamponi presso le case di riposo e nell’Hotspot di Pozzallo.

 

About Author

Direttore

Direttore

Related Articles