Reteiblea

Il cronoprogramma della 514 visto dal comitato permanente

Il cronoprogramma della 514 visto dal comitato permanente
Marzo 19
12:24 2020

A distanza di un anno e due mesi il CIPE ha finalmente deliberato il progetto definitivo e il cambio del soggetto che realizzerà l’opera: da SARC ad ANAS. Era infatti il 17 gennaio del 2019 quando lo stesso CIPE aveva rinviato l’esame della pratica del progetto di finanza provocando la mobilitazione e tutte le azioni conseguenti da parte dell’intero territorio di area vasta del sud-est siciliano in primis con le sue Associazioni Datoriali.
Finalmente la burocrazia, anche grazie all’impegno politico del Governo nelle sue due componenti, taglia il
primo importante traguardo di una importante, agognata tappa intermedia della “scalata” verso un ancora
più importante traguardo che vedrà l’avvio dei cantieri.
Anche il Comitato plaude questo risultato e prende atto della chiusura di un iter farraginoso, articolato e
travagliato dopo una lunga serie di passaggi burocratici determinati dal cambio di procedura imposto dal
precedente Governo.
Come Comitato abbiamo continuato a seguire i passaggi e a relazionarci con tutte le parti tecniche e
politiche cui riconosciamo l’impegno nelle opportune sedi e secondo le possibilità istituzionali di ciascuno.
Adesso attendiamo che l’esito della seduta CIPE del 17 marzo sia perfezionato. Monitoreremo quindi l’iter
della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale che si rende necessario affinchè la delibera CIPE sia efficace.
I passaggi procedimentali previsti sono:
1. La redazione del testo definitivo a cura del DIPE
2. La verifica degli impatti sulla finanza pubblica da parte del Ministero dell’Economia (MEF)
3. La formalizzazione del segretario e del presidente del CIPE
4. Il controllo preventivo e il relativo parere della Corte dei Conti
Per la nostra esperienza indichiamo in almeno tre mesi il periodo strettamente necessario per tale
perfezionamento tenendo conto anche dell’emergenza sanitaria che sta attraversando l’intero Paese.
Riteniamo di fare cosa utile entrare negli aspetti tecnici per approssimare una tempistica al traguardo finale
del completamento dell’opera.
Una volta che la delibera sarà pubblicata si dovrà tenere conto dei passaggi propedeutici all’avvio dei lavori
e i tempi minimi sono:
 6 mesi per la redazione del progetto esecutivo
 2 mesi per la verifica e validazione nel contradditorio fra ANAS e MIT
 6 mesi per le ottemperanze ed eventuali prescrizioni VIA
 6 mesi per l’istituzione della gara
 3 mesi per il contratto
 3 mesi per l’avvio dei cantieri
Il Presidente Musumeci sarà il “Commissario Straordinario” e questo potrà velocizzare alcuni passaggi ma la
nomina non incide sui doveri di legge che devono essere consumati sia nei Ministeri che nelle burocrazie
competenti su cui un commissario può solo intervenire marginalmente.
Come Comitato siamo quasi certi dell’ipotesi che riguarda l’abbandono della “MAXI GARA” con unico
contractor; Anas dovrebbe affidare 8 lotti di circa 100 milioni ciascuno a diverse imprese del settore. Tale
ipotesi è stata più volte confermata e caldeggiata dall’Assessore Falcone e dal Presidente Musumeci per
ridurre il pericolo del blocco dei lavori distribuendo il rischio tra le diverse imprese.

About Author

Redazione

Redazione

Related Articles