Reteiblea

Salita Monti Iblei. Vince Cubeda per la sesta volta consecutiva

Salita Monti Iblei.  Vince Cubeda per la sesta volta consecutiva
settembre 01
21:03 2019

Il catanese Domenico Cubeda non fa sconti a nessuno e, come un vero
“cannibale”, si aggiudica per la sesta edizione consecutiva (con record, considerate le mutate caratteristiche del
tracciato di gara, ora allungato di 3000 metri) la Salita Monti Iblei. Il portacolori della Cubeda Corse, assistito da
papà Sebastiano, si è immediatamente trovato a suo agio sulla potente Osella FA 30 Zytek con nuovi pneumatici
Avon (con preparazione Paco74 Corse e Renato Armaroli), ritrovata a Chiaramonte Gulfi dopo gli oltre quattro
mesi di stop patiti dal campione italiano di gruppo E2SS in carica. Per Cubeda si tratta della seconda vittoria per
il 2019, dopo l’acuto ad inizio stagione, alla Luzzi Sambucina, nel Cosentino, prova di apertura per il Campionato
Italiano Velocità Montagna.
Al culmine di una 62a Monti Iblei davvero straordinaria per intensità ed emozioni (confermata nella sua validità
per il Tivm girone Sud, Trofeo Italiano Velocità Montagna, serie Cadetta del Tricolore, nonché per il Campionato
siciliano Velocità in salita AciSport per vetture Moderne e Storiche), Domenico Cubeda ha preceduto in 3’58”45
l’ottimo marsalese Francesco Conticelli, al debutto assoluto su un’altra Osella FA 30 Zytek Paco74 Corse/Renato
Armaroli, tutta da sviluppare ed il velocissimo diciannovenne siracusano (di Melilli) Luigi Fazzino, al volante
dell’agile e performante Osella PA 21 JrB Suzuki 1.6.
Il vincitore ha subito fatto sentire la voce grossa già nel corso dell’unica salita di ricognizione disputata al sabato
(causa pioggia). Però Cubeda ha confermato quanto di buono aveva fatto già intravedere anche oggi, su asfalto
nel frattempo asciutto, dopo l’insistente pioggia caduta su Chiaramonte Gulfi e sul circondario nelle prime ore
del mattino e proseguita sino ad oltre mezzogiorno. Per questo, la 62a Salita Monti Iblei si è disputata per quasi
metà del suo svolgimento in regime di cosiddetto “wet race”, gara bagnata, come disposto dal direttore di gara
Alessandro Battaglia, di concerto con il collegio di gara ed i piloti Domenico Cubeda e Gianni Cassibba, esperti in
sicurezza.
E’ un Francesco Conticelli in grande spolvero quello rientrato dopo 11 mesi di assenza dalle corse proprio qui a
Chiaramonte Gulfi. Il suo tempo di 4’00”64 (‘griffato’ in manche unica, come tutti, sull’inedito percorso di 8,500
km), a soli 2”19 dal record di Cubeda, la dice lunga sulle qualità velocistiche del già due volte campione italiano
Under 25 e sul potenziale che questa nuova FA 30 può ancora offrire. Con il podio ottenuto alla 62a Salita Monti
Iblei, in 4’08”40 (a 9”95 dalle vetta) Luigi Fazzino si conferma ai vertici assoluti dell’automobilismo regionale e
nazionale, vincendo la E2SC 1600. Ora manca l’ultima chicca, la vittoria.
Appena fuori dal podio, quarto assoluto, forse con un pizzico di delusione per un risultato di prestigio sfuggito
per poco, è l’esperto preparatore catanese (di Randazzo) Giuseppe “Jo” Spoto, il quale, al volante di una Radical
Prosport Evo Suzuki oggi leggermente al di sotto delle proprie possibilità, non è riuscito a confermare la piazza
d’onore virtuale ottenuta nella salita di ricognizione del sabato, portando comunque a casa un crono di 4’10”43
(ad 11”98 da Cubeda). “Sorpasso” in extremis di papà Gianni Cassibba ai danni del figlio Samuele. Il “veterano” comisano (in trionfo, a Chiaramonte Gulfi, nel 2005) ha portato più in alto possibile, al quinto posto finale, la sua Osella PA 30 Zytek schierata dalla Catania Corse (il parziale di 4’17”39, con il quale ha prevalso in classe E2SC 3000), precedendo il più giovane Samuele, con la Osella PA 21 JrB Suzuki, vincitore a sua volta della classe E2SC 1000 con il crono di 4’23”23. Molto bene anche l’altro melillese Vincenzo Fazzino (zio di Luigi), subito attestato in settima posizione al suo rientro con la Osella PA 20S Bmw, in 4’29”08. A completare la “top ten” della Salita Monti Iblei spiccano il ragusano (di Vittoria) Giovanni Nicastro (8° su Formula N. G.,sul gradino più alto del podio in classe E2SS 2000),  il maltese Darren Camilleri (al quale va la palma di pilota meglio classificato tra i “driver” della vicina Repubblica dei Cavalieri, con la Tatuus Honda della Cubeda Corse, davanti al “comandante” James Dunford, su Norma M20 F Honda Cubeda Corse ed a Noel Galea, alla guida della funambolica Ford Escort MK2 sempre con i colori della Cubeda Corse). Al decimo posto assoluto si è classificato infine l’altro vittoriese ‘figlio d’arte’ Agostino Bonforte, su Osella PA 2000 Honda Ateneo.
Grande adrenalina, inoltre, per quanto concerne la lotta nei vari gruppi, dove hanno prevalso i già citati Cubeda
(E2SS), Fazzino (E2SC) e Galea (in E2SH Silhouette), il comisano Salvatore Vitale (nel gruppo CN, su Osella PA
21S Honda, Catania Corse), il giarrese Rosario Alessi (in E1 Italia, su Peugeot 106 Gti 16v, per la Catania Corse), il
siracusano con licenza maltese Ignazio Cannavò (tra le GT, con la splendida Lamborghini Gallardo GT3, iscritta
dalla One Racing), il nisseno Calogero Lombardo (tra le Produzione Evo, con la Citroen Saxo Vts Kit Blue Project),
il catanese Salvo Guzzetta (tra le Racing Start Plus, al volante della Renault Clio Rs della Project Team), quindi il
calabrese Salvatore Quaranta (in gruppo A, su Peugeot 106 Gti 16v, Cosenza Corse).
Ed ancora, successi per il locale Davide Gravina (tra le Produzione di Serie, su Citroen Saxo Vts, Catania Corse),
per i catanesi Pietro Puglisi (in gruppo N, ancora su Saxo Vts, Catania Corse), Antonio Leonardi (Racing Start, su
Citroen Saxo Vts, Catania Corse) ed Ivan Lizzio (vincente tra le Bicilindriche, con la Fiat 500 schierata da Cubeda
Corse).
La brillante ventenne “figlia d’arte” trapanese Martina Raiti si è poi aggiudicata la speciale classifica Femminile,
su Osella PA 21J Honda Trapani Corse, imitata dal già citato Luigi Fazzino, il quale ha prevalso nella graduatoria
Under 25, precedendo il ragusano Guglielmo Licitra (Renault Clio). Tra le Scuderie, successo per la Cubeda Corse
davanti alla Catania Corse ed al Motor Team Nisseno. Tra i piloti originari di Chiaramonte Gulfi (ben 21 ammessi
alla partenza), la palma del migliore è toccata per il secondo anno consecutivo al “brianzolo” Giuseppe Presti,
su Lucchini SN90 Bmw, per la Catania Corse. In questa ideale classifica, Presti ha preceduto Sebastiano Gurrieri
(Peugeot 205 Rallye, Catania Corse), quindi Bruno Caruso (su Renault Clio Cup), anch’egli schierato dal sodalizio
rossazzurro catanese.
Tra le Autostoriche (le quali hanno disputato la loro manche unica su fondo bagnato) vittoria virtuale e miglior
riscontro cronometrico per il forte messinese Salvatore Caristi, con la Fiat 128 Berlina della Scuderia Phoenix
vincitrice del 3° Raggruppamento, davanti al siracusano (di Augusta) Camillo Centamore (a sua volta sul gradino
più alto del podio nel 5° Raggruppamento, con la monoposto Corsini Formula Junior schierata dalla Scuderia
Aspas Palermo) ed all’esperto catanese “Aeron”, con la Renault 5 Gt Turbo della Scuderia Etna, con la quale si è
affermato nel 4° Raggruppamento. Vittorie, inoltre, per i palermitani Claudio La Franca (in 2° Raggruppamento
su Porsche 911 Rs by SPM, per la Ro Racing) e Marco Russo (nel 1° Raggruppamento, al volante della bella Bmw
2002 Ti della Scuderia Armanno Corse. Tra le scuderie, infine, duplice successo per la Etna (tanto nel 1° che nel
2° Raggruppamento).
La 62a Salita Monti Iblei è stata promossa ed organizzata dal Comune di Chiaramonte Gulfi (con al timone il
sindaco, on. Sebastiano Gurrieri ed il vice sindaco, Paolo Battaglia), dal Team Palikè Palermo e dalla Muxaro
Corse, in collaborazione con il locale gruppo Cinquecentisti Chiaramontani. Azione di appoggio alla cronoscalata
da parte del Libero consorzio comunale (l’ex Provincia regionale di Ragusa), nonché dei vertici del Distretto
turistico degli Iblei.
La classifica: 1) Domenico Cubeda (Osella FA 30 Zytek), in 3’58”45 2) Francesco Conticelli (Osella FA 30 Zytek), in
4’00”64 3) Luigi Fazzino (Osella PA 21 JrB Suzuki), in 4’08”40 4) Giuseppe Spoto (Radical Prosport Evo Suzuki), in
4’10”43 5) Gianni Cassibba (Osella PA 30 Zytek), in 4’17”39 6) Samuele Cassibba (Osella PA 21 JrB Suzuki), in
4’23”23 7) Vincenzo Fazzino (Osella PA 20S Bmw), in 4’29”08 8) Giovanni Nicastro (Formula N. G.), in 4’32”08

9) Darren Camilleri (Tatuus Honda), in 4’34”51 10) Agostino Bonforte (Osella PA 2000 Honda), in 4’36”39 11)
Salvatore Reina (Elia Avrio ST09 Evo Suzuki), in 4’39”98 12) Angelo Bonforte (Osella PA 20S Bmw), in 4’40”14
13) Gianni Carfì (Tatuus Formula Renault), in 4’42”69 14) Dario Gentile (Osella PA 21S Evo Honda), in 4’44”37
15) Salvatore Vitale (Osella PA 21S Honda), in 4’46”22 169 Santo Ferraro (Osella PA 20S Bmw), in 4’48”77 17)
James Dunford (Norma M20 F Honda), in 4’50”19 18) Noel Galea (Ford Escort MK2), in 4’51”60 19) Gaetano
Gambino (Osella PA 21S Honda), in 4’52”20 20) Rosario Alessi (Peugeot 106 Gti 16v), in 4’54”92.

About Author

Redazione

Redazione

Related Articles