Reteiblea

Timeo Danaos et dona ferentes

Timeo Danaos et dona ferentes
agosto 26
10:20 2019

I miei lontani trascorsi al liceo classico Umberto I di Ragusa mi permettono ogni tanto di  usare il latino per delle citazioni che fanno tanto effetto. Una di queste è proprio “Timeo Danaos et dona ferentes”. Ma di che cosa si parla diranno quelli che hanno meno memoria? Si tratta dell’Eneide e queste sono le parole pronunciate da Laocoonte ai Troiani per convincerli a non introdurre il famoso cavallo, costruito dall’astuto  Ulisse, all’interno delle mura della città. La traduzione è facile: temo i greci anche quando portano doni; quindi attenti a chi fa regali potrebbe esserci sotto qualcosa.
Ora tutta questa tiritera serve ad introdurre una nota inviata da 2 consiglieri  del M5S di Ragusa nella quale si sperticano in lodi per il vicesindaco ed assessore Giovanna Licitra. A mio avviso dovrebbe quindi  essere Giovanna a dire “Timeo Danaos etc” perchè dal movimento 5 stelle una tale sfilza di complimenti è certo inaspettata e allora bisogna guardarsene.  Naturalmente  secondo me che sono notoriamente un malpensante  navigato in fatto di politica comunale. .

Poi potrebbe anche essere probabile…….ma difficile !!! che effettivamente le lodi siano spassionate e spontanee ma a questo punto ci si chiede perchè??
Perchè consiglieri comunali pronti a cogliere il minimo passo falso dell’amministrazione Cassì, dimentichi del loro “quinquennio terribile”,  appena trascorso si lancino in questo esagerato atto di riverenza?.
Forse hanno bisogno di qualche “aiutino” oppure cercano sponde per politiche future o ancora hanno qualche idea che dovrebbe essere recepita?
Che l’assessore Licitra sappia il fatto suo non c’è dubbio ma che ascolti i suggerimenti  mi sembra un po azzardato e devo dire che più di una volta non ho condiviso le sue scelte ( vedi Val di Noto). Lei ha fatto tutti i passi giusti per avvalorare le sue tesi riunendo comitati e gruppi ma alla fine ……. E questo ci sta. E’ l’assessore e opera in piena autonomia.
Però sulla piena autonomia dei componenti della Giunta Cassì ho avuto modo di esprimere forti preoccupazioni. Mi sembra infatti che, per il quieto vivere, il sindaco, a causa della situazione politica che lo sorregge, abbia spacchettato il comune in settori autonomi e autoreferenziali. E così ognuno ha il suo spazio per operare in solitudine senza dare conto a nessuno. E’ una bella cosa per gli assessori ma potrebbe essere un danno per la città che si vede divisa in aree di competenza con la giacchetta tirata da una parte e dall’altra.  Ecco alla fine la nota dei 5 stellati ( ahh se lo sapesse Grillo)

I consiglieri del gruppo consiliare M5s Ragusa Antonio Tringali e Sergio Firrincieli intendono mettere in rilievo che, a differenza degli altri componenti dell’amministrazione comunale, dove a farla da padrone sono la superficialità e l’approssimazione, con pesanti conseguenze che si ripercuotono su tutta la cittadinanza, per quanto riguarda, invece, l’azione del vice sindaco, la dottoressa Giovanna Licitra, che opera soprattutto con riferimento alle deleghe dello Sviluppo economico, è stato possibile riscontrare un’operatività che denota professionalità e capacità, oltre a profonda conoscenza della materia.

“E’, tra l’altro – chiariscono i consiglieri Tringali e Firrincieli parlando dell’assessore Licitra – molto attenta alle esigenze della minoranza e aperta all’ascolto grazie a competenze che fanno parte del proprio bagaglio professionale. Ma non solo. Ci risulta che, grazie a lei, gli uffici del settore stanno operando in maniera energica, circostanza che ci fa ben sperare per il futuro. Ci ha fatto piacere notare, inoltre, come la dottoressa Licitra non abbia posizioni antitetiche a prescindere per ordini di scuderia o per appartenenze di partito. Insomma, è un rappresentante dell’amministrazione con cui è facile instaurare un dialogo e confrontarsi su tematiche e problematiche che possono risultare importanti per il futuro della città”.

“Gli altri assessori, ma soprattutto il sindaco – concludono Tringali e Firrincieli – dovrebbero prendere esempio da lei per potere costruire su basi solide quello che potrebbe essere un percorso teso a rilanciare le velleità di crescita di Ragusa. Abbiamo voluto fare questa sottolineatura perché non è vero che facciamo di tutta l’erba un fascio e anzi ci piace sottolineare, con gli opportuni distinguo, chi si mette in rilievo in maniera positiva come, per l’appunto, nel caso della dottoressa Licitra”.

About Author

Direttore

Direttore

Related Articles