Reteiblea

Tassa di soggiorno: predicare bene e razzolare male. Lotta all’abusivismo

Tassa di soggiorno: predicare bene e razzolare male. Lotta all’abusivismo
luglio 24
23:00 2019

In tutto l’ambiente turistico nazionale sta partendo una decisa campagna di controlli  contro gli abusivismi di ogni genere. Prima di tutto per i viaggi di gruppo che sono di esclusivo uso delle agenzie di viaggi chiudendo così i rubinetti ad associazioni, signore non meglio identificate e parrocchie che in questi ultimi anni si sono dati all’organizzazione di escursioni, vacanze e viaggi in Italia e all’estero. E’ abusivismo anche non pagare la tassa di soggiorno e bene fa l’assessore della città di Ragusa ad avvertire che ci sarà tolleranza zero. Infatti  dopo alcuni incontri  tenutisi nei giorni scorsi e  una conferenza di servizi interna con i dirigenti dei settori Tributi, Risorse Economiche e Turismo, con il responsabile del SUAP, con i vigili urbani del reparto annona ed i responsabili
degli uffici tributi e tassa di soggiorno è emersa la direttiva di avviare
controlli incrociati a tappeto per individuare le strutture non in regola con il
pagamento della tassa, per verificare la congruità delle somme versate e intercettare
le strutture ricettive abusive”.
Il recupero della tassa di soggiorno è in conformità a quanto disposto in materia dal
regolamento comunale approvato con delibera CC n.84 del 12 dicembre 2014.
Lotta agli abusi  si! Ma noi diciamo che sarebbe bene lottare contro gli abusi dell’impiego della Tassa di Soggiorno che a Ragusa frutta un milioncino circa.  E’ infatti illegittimo l’uso che se ne fa, in gran parte rivolto a spettacoli e manifestazioni, molte delle quali, a dire il vero, già codificate dalla scorsa amministrazione. Andate a vedere cosa dice il regolamento fino a quando non lo cambieranno in consiglio comunale, guardate le percentuali e guardate le regole che erano state imposte, prima tra tutte, l’esame delle spese da  parte di un comitato ad hoc. Dunque predicare bene e razzolare male. La solita storia. Non è immune neanche la legge su Ibla, ormai molto misera, che viene continuamente intaccata per manifestazioni, concorsi e spettacoli che nulla hanno a che fare con lo spirito della famosa legge 61 dell’81.  Prima di perseguire gli evasori mettiamoci a posto con i regolamenti. Allora si.. tolleranza zero. Ora si rischia che qualcuno faccia una bella denuncia e finisce tutto in m…….are.

About Author

Direttore

Direttore

Related Articles