Reteiblea

Aumenteranno gli assessori a Ragusa? Ne parla il sindaco. E sulle elezioni per la ex Provincia: “Ho un’idea”

Marzo 29
18:11 2019

E’ di mercoledì sera l’approvazione della norma regionale che permette ai comuni di aumentare il numero dei membri delle giunte comunali che per Ragusa potrebbe essere composta addirittura da 9 assessori invece degli attuali cinque.
La norma approvata dall’Assemblea Regionale Siciliana l’altro ieri, infatti, prevede per i comuni tra i 50mila e i 100mila abitanti l’aumento del numero degli assessori fino a sette e se il Comune in questione è anche capoluogo di provincia gli assessori salirebbero a nove.
Abbiamo chiesto al sindaco Cassì il suo parere sulla vicenda:
“Fin dal mio insediamento – ha detto il primo cittadino di Ragusa – ho pensato che solo cinque assessori per occuparsi di tutte le deleghe probabilmente sono pochi. Ci penserò su”.
Non vi è dubbio, comunque, che la possibilità è ghiotta, innanzitutto per le opportunità che si aprono rispetto a vecchie e nuove alleanze. Ci sono gli esponenti di Fratelli d’Italia, ad esempio, che da tempo aspettano un segnale da parte del sindaco rispetto alla possibilità di poter piazzare nella giunta ragusana anche un loro rappresentante, senza aver avuto risposta. Ma l’occasione è interessante anche per lo stesso primo cittadino che potrebbe approfittarne per liberarsi di alcune deleghe e dedicarsi, per esempio, all’idea di candidarsi al ruolo di presidente del Libero Consorzio dei Comuni di Ragusa. Un’elezione di secondo livello per la quale Cassì ha una idea particolare: “Mi pacerebbe poter stringere un accordo con gli altri primi cittadini del nostro comprensorio, perché non voglio che si creino contrasti tra noi e sarebbe meglio arrivare a una soluzione condivisa”.
Una possibilità non semplicissima, a nostro avviso, soprattutto in considerazione del fatto che qualcun altro sindaco della provincia da tempo lavora per questo obiettivo e potrebbe non essere del tutto d’accordo a cedere il passo sacrificandosi sull’altare del quieto vivere.

About Author

Leandro Papa

Leandro Papa

Related Articles