Reteiblea

Vertenza strisce blu a Ragusa. Il sindaco diffida la ditta. Oggi l’incontro con Fisascat-Cisl e Confali

Vertenza strisce blu a Ragusa. Il sindaco diffida la ditta. Oggi l’incontro con Fisascat-Cisl e Confali
Maggio 28
17:272018

Il sindaco Federico Piccitto e il vicesindaco Massimo Iannucci, titolare della delega alla polizia municipale, hanno incontrato questa mattina i rappresentanti delle organizzazioni sindacali Fisascat-Cisl, Salvatore Scannavino, e Confali, Giorgio Iabichella, a proposito della questione riguardante i lavoratori della Nam3Eli che si occupa di gestire il servizio delle strisce blu sul territorio comunale di Ragusa. Nel mirino il comportamento ondivago della ditta aggiudicataria del servizio che, anche sulla scorta delle segnalazioni provenienti in prima battuta dai lavoratori e poi dalle stesse organizzazioni sindacali, non starebbe rispettando i contenuti del capitolato speciale d’appalto preso a riferimento. “Il sindaco ci ha informato – sottolineano Scannavino e Iabichella – di avere inoltrato, nei giorni scorsi, una diffida alla ditta affinché sia applicato quanto previsto dal capitolato in modo particolare per quanto concerne il Contratto collettivo nazionale del lavoro che deve essere quello del commercio e non quello del settore autorimesse. In più, abbiamo sottolineato al primo cittadino che i lavoratori continuano ad operare con le vecchie strumentazioni e con i propri telefonini. La ditta, con ciò, disattende completamente le previsioni del suddetto capitolato. Ecco perché ci faremo carico di presentare una ulteriore denuncia al responsabile del servizio, il dirigente comandante della polizia municipale Giuseppe Puglisi. E’ chiaro che, secondo quanto affermato dal sindaco, se la nuova ditta non rispetterà le previsioni del capitolato in questione, ci potranno essere le premesse per avviare le procedure finalizzate a una risoluzione del contratto. Ringraziamo l’amministrazione comunale per avere accolto la nostra richiesta e speriamo che, naturalmente, questa vertenza possa chiudersi nella maniera più positiva per i 23 lavoratori interessati”.

About Author

Redazione

Redazione

Related Articles