Reteiblea

Regali di “Natale”. Il Comune sperpera 35 mila euro per due siti web e un’app. La denuncia

Regali di “Natale”. Il Comune sperpera 35 mila euro per due siti web e un’app. La denuncia
Gennaio 02
12:552018

Ha quasi dell’incredibile leggere la denuncia del consigliere Morando su questo ennesino sperpero di denaro pubblico. 35 mila euro sono veramente troppi! Chiunque abbia un minimo di dimestichezza con questi strumenti sa che un buon sito web può essere realizzato con un budget di 1000 o 2000 euro, perciò spendere 12 mila e 500 euro per un sito non ha proprio senso. Non vogliamo avanzare ipotesi, non vogliamo pensar male, ma qualcuno deve spiegare – almeno – alla città perché si è deciso di buttare via così tanti soldi per due siti e un’app neanche tanto eccezionali. Adesso, è vero, che i preventivi vengono un tantino gonfiati se proposti/inviati ad una amministrazione pubblica, ma così è veramente troppo. Verrebbe da pensare che in Comune sono una manica di sprovveduti, ma no, non sarà così, sicuramente ci sarà una spiegazione che ci sorprenderà. Ecco perché aspettiamo impazienti le spiegazioni di chi ne sa più di noi. Di seguito il comunicato del consigliere Morando.

“Dopo il sito internet e l’app promozionale sul castello di Donnafugata acquistati per la modica cifra (si fa per dire) di 25mila euro, su segnalazione di diversi cittadini e operatori turistici, ho rinvenuto un’altra determina dirigenziale, datata 31 marzo 2017, con cui si acquistano dalla stessa ditta “Servizi informatici riguardanti Percorsi iblei Unesco” per la somma di 10mila euro. Ho avuto modo di visionare questo materiale elettronico e certo devo dare ragione a quanti mi sottolineavano che non si può definire all’altezza dell’importo pagato. Ecco perché chiedo all’amministrazione comunale di fare più attenzione nella definizione degli incarichi ai privati. Ben 35mila euro per due siti internet e un’applicazione di questo genere mi sembrano davvero troppi”. E’ il senso della denuncia che arriva dal consigliere comunale del Movimento Civico Ibleo, Gianluca Morando, il quale mette in rilievo che nonostante l’acquisto del sito Internet fatto a marzo (http://www.comune.ragusa.gov.it/turismo/percorsi_iblei/index.html) ritenuto da parecchi addetti ai lavori non all’altezza della cifra spesa, l’amministrazione comunale ha deciso di rivolgersi alla stessa ditta senza ritenere opportuno svolgere una ricerca di mercato. “Il Comune – aggiunge Morando – ha dato seguito a una richiesta da parte della stessa ditta, richiesta che, a marzo, risaliva ad appena tre giorni prima dalla data della determina. Ma, al di là della tempistica, è da mettere in rilievo la scarsa trasparenza dell’affidamento senza alcuna comparazione qualità/prezzo con altre ditte del settore. Ci sarebbe da chiedersi come mai, in questa come in altre occasioni, è stato deciso di percorrere questa strada senza in qualche modo valutare quale, a parità di condizioni, avrebbe potuto essere un’altra offerta più vantaggiosa sul piano economico. Siamo molto rammaricati per quanto accaduto e auspichiamo che non si ripetano più episodi del genere”.

About Author

Redazione

Redazione

Related Articles