Reteiblea

Battuta la maggioranza in Consiglio Comunale di Ragusa

Battuta la maggioranza in Consiglio Comunale di Ragusa
Dicembre 01
11:492017

“Tanto tuonò che piovve. Grazie all’unità delle opposizioni, quella unità cercata da
un anno, mai mancata per il Pd, i grillini vanno sotto in Consiglio comunale. La
clamorosa sconfitta in aula, ieri sera, del Movimento Cinque Stelle e, più in
particolare, della Giunta municipale guidata dal sindaco Federico Piccitto la dice
lunga su come, ormai, questa esperienza politica sia arrivata al termine e per di più
nella maniera peggiore. Occorre, quindi, un sussulto di dignità da parte del primo
cittadino e di chi lo sostiene. Si dimettano. Vadano a casa. E liberino la città da una
presenza inutile e ingombrante. Restituiscano Ragusa ai ragusani”. I consiglieri
comunali del Partito Democratico, Mario D’Asta e Mario Chiavola, si esprimono in
questi termini dopo che è stata sbarrata all’;amministrazione grillina la strada in aula sulle variazioni di bilancio e sui debiti fuori bilancio essendo state votate delle
pregiudiziali sul primo e sul secondo atto posto all’ordine del giorno che pertanto
saranno ridiscussi più avanti “Un movimento, quello grillino, ormai imploso che –
affermano i due esponenti dem – perde pezzi e non ha più né i numeri nè la forza
politica per chiudere con dignità questo scorcio conclusivo di consiliatura”.
“Piccitto – aggiungono D’Asta e Chiavola – che addirittura non si presenta in aula
neppure quando c’è da affrontare argomenti di vitale importanza per il prosieguo
dell’attività amministrativa, si scontra con una contrapposizione totale delle
opposizioni che, stavolta, si trasformano in maggioranza, schiacciando ogni velleità
di prevaricazione da parte di un esercito pentastellato ormai in rotta e con le armi
spuntate. Tra l’altro, sono state poste, in queste occasioni, pregiudiziali di carattere
tecnico che, dopo la votazione, hanno finito con il trasformarsi in un atto
preminentemente politico, una bocciatura assoluta e completa della linea propugnata
dall’amministrazione al di là dell’appostamento delle somme previste nelle variazioni
in differenti settori della macchina municipale sulla scorta delle varie richieste
provenienti dai settori. Il dato politico, quindi, è fin troppo evidente. E ribadiamo che
avevamo visto bene quando, un anno fa, annunciammo che non esisteva più
maggioranza. E vedevamo bene anche quando affermavamo che se le opposizioni
fossero rimaste unite sarebbero riuscite a mandare a casa prima del tempo questo
sindaco. E però la realtà è che i Cinque Stelle continuano a rimanere incollati alla poltrona, mentre questa esperienza amministrativa si sta concludendo come peggio non si poteva immaginare. Dall’aumento dei tributi locali che pesano come macigni sulle tasche dei cittadini alla mancanza di visioni progettuali univoche per rilanciare questa città, a cominciare dalla questione ambientale tuttora rimasta ancorata al passato. Servizi sociali che stanno esplodendo, opere pubbliche non pervenute. Una città anonima, senza slancio e prospettiva”.
“Un fallimento dopo l’altro per la Giunta Piccitto – concludono i due rappresentanti
dem – di cui la città intende liberarsi il prima possibile relegando questa negativa
esperienza nel novero delle avventure da dimenticare al più presto. Quindi, sarebbe
meglio per il primo cittadino prendere atto di tutto ciò e rassegnare le proprie
dimissioni”.

About Author

Redazione

Redazione

Related Articles