Reteiblea

M5S propone manager sanitari non siciliani, Incardona (UDC): “Un’offesa a tutta l’isola”

M5S propone manager sanitari non siciliani, Incardona (UDC): “Un’offesa a tutta l’isola”
Ottobre 29
12:272017

“Il Movimento 5 Stelle continua a fare campagna elettorale puntando a delegittimare ogni istituzione, alimentando odio sociale e discredito verso ogni cosa”. Lo dichiara il commissario provinciale dell’Udc di Ragusa, on. Carmelo Incardona, commentando le recenti dichiarazioni del candidato Cancelleri sull’intenzione di affidare la sanità siciliana a manager non siciliani.
“La campagna di delegittimazione condotta sulla legge elettorale, ad esempio – spiega Incardona – né è l’esempio evidente e il filo conduttore è sempre lo stesso: delegittimare tutto e tutti. In Sicilia, addirittura, si sta screditando non solo la competizione elettorale, ma l’intero Popolo Siciliano! La posizione del M5S, espressa per bocca di Cancelleri, che in caso di vittoria affiderà a manager non siciliani la guida delle ASP lascia di stucco! Il candidato grillino e il M5S offendono i cittadini siciliani onesti, ai quali rivolgo un appello perché non votino per chi vuole ulteriormente umiliarci e mantenere questa terra sotto scacco! Immaginare di voler nominare non siciliani alla guida delle Aziende sanitarie vuol dire credere, per partito preso, che nella nostra isola non ci siano professionalità oneste oltre che competenti. Il M5S dà per scontato che nessuno tra i Siciliani sia capace ed incorruttibile mentre oltre lo stretto sono onesti e capaci”.
“Cancelleri – continua Incardona – dimentica che la Sicilia è anche la terra di politici come Piersanti Mattarella e Pio La Torre, di magistrati come Falcone, Borsellino, Livatino e Chinnici, di commercianti come Salvatore Incardona e Libero Grassi, di rappresentanti delle forze dell’ordine come Ninni Cassarà e di tutti quegli altri, che, servendo lo Stato con onestà e dedizione, hanno perso la vita per mano della mafia e delle varie organizzazioni criminali. Un elenco lunghissimo di gente che si è ribellata al malaffare! Questi sono rappresentativi della stragrande maggioranza dei siciliani. Il loro sacrificio e l’azione di tutti coloro che agiscono con correttezza e onestà, non meritano d’essere delegittimati da un’azione politica miope e qualunquista come quella che M5S e Cancelleri hanno in mente”.
“Abbiamo imparato a conoscere il Movimento 5 Stelle – continua – per il suo essere ‘contro’: contro i rami del Parlamento, contro lo Stato e le Istituzioni, contro i partiti e, questa volta, anche contro siciliani! Cancelleri intende delegare ad altri ciò che è nostro: il diritto di liberarci delle sacche del malaffare e della mafia attraverso l’azione dei Siciliani onesti che credono in una Sicilia migliore anche per onorare le vittime innocenti che già hanno creduto che la mafia ed il malaffare si possono sconfiggere. Governare non vuol dire solo fare il Presidente della Regione o il parlamentare, ma significa anche saper scegliere gli uomini con i quali portare avanti le proprie idee e ai quali affidare compiti e responsabilità; gli avversarsi si superano in modo diverso: tramite un’azione di governo positiva e concreta, capace anche di far sentire alla Sicilia d’essere forte dei propri uomini e mezzi”.
“L’invito che rivolgo ai siciliani, dunque – conclude il commissario provinciale dell’UDC Ragusa – è quello di analizzare bene questo aspetto della campagna elettorale e scegliere secondo buon senso tra chi intende come ‘Ponzio Pilato’ consegnare ad altri il futuro della Sicilia e chi, invece, intende lavorare, attraverso le proprie competenze e le proprie scelte, per una Sicilia onesta, coraggiosa e soprattutto orgogliosa di essere in grado di cambiare in positivo con i propri uomini e mezzi. Ciò sarà possibile con la guida onesta e autorevole dell’on. Nello Musumeci, da contrapporre al falso moralismo di chi, come Cancelleri, predica bene ma poi favorisce i familiari propri e degli amici per farli diventare parlamentari”.

About Author

Redazione

Redazione

Related Articles