Reteiblea

La più strana occupazione che si sia mai vista. La Marabita ancora protagonista, suo malgrado

La più strana occupazione che si sia mai vista. La Marabita ancora protagonista, suo malgrado
Gennaio 31
11:26 2017

Ieri sera, in diretta, vi avevamo dato notizia dell’occupazione dell’Aula consiliare da parte della Marabita (M5S). Un gesto eclatante dettato più dagli umori del momento, che da una profonda e seria riflessione. Il perché lo ha fatto? E’ risaputo, lei è antitetica a questa Amministrazione e lo vuole gridare a tutto il mondo. Questa Amministrazione è rea di aver tradito le promesse elettorali, è colpevole di esser diventata casta, come ha dichiarato, ieri sera, pochi istanti prima di imbavagliarsi e dichiararsi in occupazione.

Una occupazione strana o meglio anomala. Un’occupazione, che è durata infatti appena due ore. Iniziata alle 19.46 e terminata già alle 22 e 43.
In linea di principio potremmo pure condividere le motivazione che hanno spinto la sensibile consigliera pentastella a occupare l’Aula del Consiglio, potremmo addirittura unirci a lei nel grido: “Dov’è finita la rivoluzione che ci avevate promesso?” Ma nulla di più.
Ovviamente, però, non lo facciamo, noi, non facciamo i politici. Il fatto da registrare invece è un altro: hanno lasciato la Marabita sola. In questa battaglia, la consigliera non ha avuto l’appoggio di nessuno. Non l’hanno seguita e spalleggiata quelli delle opposizione, se facciamo eccezione per qualche pacca, non le hanno dato manforte quelli del suo stesso gruppo e questo è un po’ più grave. Certo, per occupare occorrono delle motivazione specifiche e non un vago, quanto imprecisato, “fastidio” verso chi ci governa. Chissà, magari, se i rappresentatnti di Ragusattiva 5 Stelle, che ieri erano pure presenti in Consiglio, avessero occupato l’Aula insieme alla loro rappresentate, il gesto avrebbe avuto tutta un’altra risonanza, ma l’hanno lasciata sola in questo colpo di testa.

Ognuno fa politica come vuole. Ognuno, per fortuna, è libero di dire e fare ciò che vuole, ma se questa è l’opposizione che vorrebbero portare avanti, se questa è la fronda interna, diciamo che Piccitto & Co. hanno la strada spianata, almeno su questo versante.

About Author

Rosario Distefano

Rosario Distefano

Related Articles