Reteiblea

Pozzallo, scuole al gelo. La segnalazione da Codacons e Confcommercio

Pozzallo, scuole al gelo. La segnalazione da Codacons e Confcommercio
Gennaio 18
11:162017

Nella giornata in cui la morsa del gelo sembra attanagliare maggiormente il territorio Ibleo, tanto da indurre il sindaco di Ragusa a chiudere e scuole, a Pozzallo è tempo di polemica.

Polemica che imperversa, appunto, sulla situazione delle scuole. Tre gli Istituti entrati nel mirino delle richieste di Codacons e Confcommercio, in merito all’inadeguatezza degli impianti di riscaldamento: la scuola dell’infanzia “Siamo amici” e gli istituti comprensivi “GiuseppeRogasieAntonio Amore”.

Codacons e Confcommercio non avrebbero fatto altro che raccogliere un appello accorato da parte di una delegazione di madri, la cui portavoce Rosalba Campo ha affermato quanto segue: “al rientro delle vacanze natalizie le scuole, sprovviste di adeguate misure di riscaldamento, hanno fatto i conti con le basse temperature stagionali. Fare lezione in questo condizioniè impossibile: le aule sono gelide e le scuole impraticabili”.

Alle parole del presidente di Confcommercio Pozzallo, Gianluca Manenti, è affidata una dura accusa all’amministrazione comunale della città: “un nostro dirittopretendere che le istituzioni di competenza si assumanomaggiori responsabilità. Ci rivolgiamo soprattutto all’amministrazione comunale che, tutt’oggi, dopo circa 15 giorni, non ha fronteggiato l’emergenza mettendo in difficoltà famiglie, bambini e docenti. Inoltre, che fine hanno fatto i fondi delle scuole destinati alla ristrutturazione degli impianti di riscaldamento? Chiediamo un sopralluogo anche dell’Asp per verificare l’esistenza di ulteriori disaginei plessi”.

Dal canto suo, il segretario nazionale Codacons Francesco Tanasi, ha posto l’accento sulla quantità di molestie e disservizi che sarebbero stati causati dall’inadeguatezza degli impianti: “molti genitori per evitare di far soffrire il freddo ai propri figli non li hanno potuti mandare a scuola, ricorrendo a ferie, permessi sul lavoro e baby sitter, sobbarcandosi di costi aggiuntivi che i responsabili dovranno risarcire».

About Author

Carmelo Dipasquale

Carmelo Dipasquale

Related Articles