Reteiblea

Metropolitana di superficie, qualcosa si muove?

Metropolitana di superficie, qualcosa si muove?
Luglio 22
11:062016

Novità per la metropolitana di superficie desiderata da parte della comunità ragusana? Forse si. Infatti è in fase di costituzione una Srl attraverso cui agirà il comitato promotore sorto dopo il convegno tenutosi la scorsa primavera a Ragusa e promosso dal parco commerciale “Isole Iblee”, dal centro commerciale naturale “Antica Ibla”, dal centro studi Feliciano Rossitto e dall’associazione “Insieme in Città”.

All’appuntamento aveva preso parte il progettista, ingegner Fabio Maria Ciuffini. Il comitato che è sorto, presieduto da Franco Cilia, oltre ad essere in costante collegamento con Ciuffini, con le Ferrovie e con il Comune di Ragusa, intende sollecitare la società civile a fornire all’ente stesso di palazzo dell’Aquila ogni possibile collaborazione al fine di partecipare a un bando che prevede un fondo di 500 milioni per la mobilità nei comuni capoluogo.

Costi e limiti. Occorre ricordare che per la realizzazione dell’opera sono richiesti 18 milioni e che i problemi da superare sono tanti. Ecco perché è parso utile al comitato, con il parere di esperti, creare una Srl con lo scopo di promuovere e sostenere l’iniziativa fino alla gestione dell’opera. Tale infrastruttura avrà una decina di fermate: stazione di Ibla, Carmine (che collegherà Ragusa superiore al quartiere San Paolo a Ibla), ospedale Arezzo, via Alfieri (ex campo Boario), stazione centrale, viale Colaianni, Le Masserie, zona industriale, ospedale Puntarazzi, Donnafugata.

Insomma, un’infrastruttura che collegherà oltre metà della città e offrirà al turista uno strumento utile e suggestivo per visitare Ragusa. Alcuni hanno già sottoscritto quote da 100 sino a 500 euro nella convinzione di portare avanti un progetto utile per la città, a prescindere se tale individuale e modesto investimento avrà un ritorno economico. L’adesione alla Srl è individuale. Ecco perché il presidente Franco Cilia rivolge un invito ad aderire, oltre che ai cittadini in genere, anche e soprattutto ai capigruppo consiliari e a tutti i consiglieri comunali considerate le potenziali ricadute positive che ci saranno per l’intera città di Ragusa.

 

 

About Author

Carmelo Dipasquale

Carmelo Dipasquale

Related Articles