Reteiblea

Concluso il convegno organizzato dal Movimento Città su: “La comunicazione culturale in Sicilia da Google a izi.TRAVEL”

Concluso il convegno organizzato dal Movimento Città su: “La comunicazione culturale in Sicilia da Google a izi.TRAVEL”
Maggio 31
18:502016

Grazie per aver partecipato così numerosi al convegno “La comunicazione culturale in Sicilia da Google a izi.TRAVEL” lo scorso sabato, nella magnifica sala conferenze di Palazzo La Rocca!
Un particolare ringraziamento va alla d.ssa Elisa Bonacini per la professionalità e l’esaustiva esposizione sui vantaggi del turismo digitale e l’utilizzo dei social e di piattaforme in espansione, come l’App Izi.TRAVEL, che è già diventata il ‘Facebook dei musei’.
Si è parlato di alcuni validi esempi di ‘musei partecipativi’ come quello Archeologico di Palermo “Antonino Salinas”, che grazie a una strategia di comunicazione ben precisa sui social, basata su uno stile unico, hashtag ‘accattivanti’ e lo storytelling, ha raddoppiato il numero di visitatori in breve tempo.
Elisa Bonacini ha poi presentato il progetto pilota svolto al Museo Archeologico “Paolo Orsi” di Siracusa, in collaborazione con il fotografo ragusano Gianfranco Guccione, presente in sala, che ha realizzato un professionale reportage fotografico pezzi importanti della collezione allo scopo di comporre un ‘virtual tour’ (una mappa interattiva gratuita che sta diventando il catalogo del Museo), che consente la navigazione anche dal telefonino, settore per settore, visualizzando il contenuto e la spiegazione delle opere, riprodotti in maniera semplice ed efficace.
Ringraziamo anche la d.ssa Giuliana Occhipinti, che ha accettato di partecipare ai lavori, il Dipartimento di Architettura di Palermo, il prof. Marco Rosario Nobile, ordinario di ‘Storia dell’Architettura’ all’Università degli Studi di Palermo, e il Libero Consorzio Comunale di Ragusa, che hanno gentilmente consentito la realizzazione dell’evento.
Un arrivederci al prossimo appuntamento con Elisa Bonacini, per ulteriori input su questi interessanti scenari di fruizione partecipativa dei beni culturali che, con la crescente diffusione della digitalizzazione e dei social, saranno sempre più apprezzati e richiesti.
Riteniamo che Ragusa, sito Unesco, possa essere degnamente annoverata in questo emergente e virtuoso circuito e fornire ulteriori opportunità per un Turismo di qualità.

About Author

Redazione

Redazione

Related Articles