Reteiblea

“RAGUSANO DOP”: IMPORTANTE INTESA PER L’ADEGUAMENTO DEL DISCIPLINARE DI PRODUZIONE

“RAGUSANO DOP”: IMPORTANTE INTESA PER L’ADEGUAMENTO DEL DISCIPLINARE DI PRODUZIONE
Aprile 15
10:58 2016

Si è svolto a Roma il previsto incontro tra Enzo Cavallo, direttore del Consorzio del Ragusano dop, accompagnato da Guglielmo Portelli, tecnico ispettore  del Corfilac, ed i responsabili del dipartimento delle politiche competitive e della qualità agroalimentare. Oggetto del prolungato e concreto confronto l’esame delle modifiche da apportare al disciplinare di produzione del ragusano dop individuate dal Consiglio di Amministrazione, presieduto da Giuseppe Occhipinti , ritenute utili per adeguarlo alle mutate esigenze della filiera, per meglio garantire i consumatori e per favorire e facilitare una più efficace possibile attività  di promozione. 
L’incontro era stato programmato nei giorni scorsi ed ha avuto lo scopo di approfondire le norme comunitarie e nazionali vigenti e di uniformarne la interpretazione e l’applicazione ai fini di una corretta predisposizione delle modifiche già individuate dai competenti organi deliberanti del Consorzio di tutela . Da tenere conto che da parte del Consorzio è stata intrapresa, ormai da mesi, una decisa azione per mettere ordine e per garantire la massima trasparenza nella delicata fase di immissione al consumo del tanto apprezzato formaggio degli Iblei che può vantarsi  di un rigoroso disciplinare e del qualificante marchio comunitario, che viene sottoposto a tutti controlli previsti dalle norme vigenti in materia di qualità degli alimenti e che è tutelato da un Consorzio riconosciuto dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e dalla stesso delegato per la effettuazione de controlli di legge. Dopo l’odierno passaggio il Consorzio, entro il prossimo lunedì, dovrà produrre il testo del disciplinare modificato ed integrato, così come concordato nella sede del Mipaaf, al fine di ottenere il benestare definito per dare il via ai successivi passaggi che dovranno portare alla approvazione da parte degli Uffici di Bruxelles dell’UE. 
Per l’occasione presso il Ministero sono stati perfezionati gli atti riguardanti la comunicazione degli agenti vigilatori, per i quali, avendo chiesto il riconoscimento della qualifica di pubblica sicurezza, si attende solo il previsto parere da parte della Prefettura e della Questura. 
Altro importante appuntamento è ora previsto con i responsabili territoriali  per la Sicilia Orientale del dipartimento Repressioni Frodi per la sottoscrizione della già concordata convenzione di collaborazione per dare massima efficacia alla attività di controllo a difesa del marchio e nell’interesse dei consumatori.

About Author

Redazione

Redazione

Related Articles