Reteiblea

Trasporto e assistenza disabili, Lorefice: «Faremo il possibile. E’ indispensabile fare rete»

Trasporto e assistenza disabili, Lorefice:  «Faremo il possibile. E’ indispensabile fare rete»
Novembre 16
17:32 2015

«Faremo il possibile affinché i giovani disabili possano continuare ad andare a scuola, ma è necessario fare rete»: Così Marialucia Lorefice, parlamentare del M5S, questa mattina, durante l’incontro, presso la Sala Giunta del palazzo di Provincia, voluto dalle associazioni che si occupano dei diritti dei disabili nel territorio ibleo. Presenti all’incontro anche la senatrice Venerina Padua e il senatore Giovanni Mauro, oltre alle famiglie ed alle associazioni stesse rappresentate da: Salvina Cilia, direttrice Anffas Ragusa, presidente Pro-Diritti H e coordinatrice del Forum provinciale del Terzo Settore; Giovanna Di Falco, direttrice sanitaria del CSR del ragusano; Carmela Giarratana del Forum Ail a sostegno del territorio ibleo; Daniela Vaccaro dell’associazione Noi Con Voi di Comiso; Giovanni Provvidenza, dell’Anffas di Modica, Giovanna Meli dell’Aiffas di Vittoria. «E’ emersa forte –dichiara Marialucia Lorefice, membro della Commissione Affari Sociali- la necessità di un percorso univoco tra associazioni, enti e impegno politico, che possa dare risposte definitive ad un tema che è non solo delicato ma estremamente complesso nella gestione e nel coordinamento dei vari soggetti coinvolti a diverso titolo, primi tra tutti le famiglie e i giovani. La necessità è quella di rimettere al centro dell’impegno di ognuno di noi i destinatari, gli studenti disabili che in questo momento vivono nell’incognita di non poter andare a scuola, negli istituti superiori, a causa della mancanza di fondi. Su di essi e sulle loro famiglie pesa già il macigno della disabilità. Se da un lato -dice la Lorefice- serve una risposta urgente, dato che dal primo dicembre sia il trasporto sia l’assistenza scolastici potrebbero essere sospesi, un’altra risposta va data nel tempo, non è pensabile arrivare ogni volta con l’acqua alla gola per programmare una spesa in bilancio che c’è, c’è stata e ci sarà. La programmazione è una cosa dalla quale non si può prescindere soprattutto quando si parla di persone, è necessaria una calendarizzazione entro la quale vengano decisi e previsti questi servizi e le conseguenti spese inserite in bilancio. Altro problema sollevato dalle associazioni è quello della necessità di fare in modo che a gestire i fondi relativi non sia la Regione ma direttamente i Comuni, o distretti socio-sanitari, così da permettere una risposta più immediata ai bisogni. Per quanto concerne i dati la somma a consuntivo per il 2014 è stata di euro 1.663.904,31. Nel bilancio di previsione 2015 è di 1.470.000, vi è in meno la spesa di oltre un mese di servizio non svolto a settembre per circa 150 mila euro. Questi –riporta la deputata- i dati forniti dall’ufficio provinciale di riferimento. Somme importanti –spiega la Lorefice- la cui modalità di utilizzo va progettata e programmata in tempo inserendo nella progettazione tutte le variabili ai diversi casi e alle diverse necessità dei nostri giovani. Alla base di tutto resta sempre il diritto fondamentale di tutti all’istruzione, ed è lo Stato, il Governo, che deve prendersi cura del rispetto di esso. Il resto è il dramma vissuto quotidianamente dalle famiglie che vogliono, e la dobbiamo a loro e alla società, come cittadini prima che come classe politica, una risposta al perché ancora oggi i loro figli vanno a scuola solo per poche ore e rischiano di non poterci andare affatto».

About Author

Redazione

Redazione

Related Articles