Reteiblea

Piano sanitario regionale e atti aziendali delle Asp, sen. Mauro (FI): “Difendere i piccoli ospedali non vuol dire difendere la salute di tutti i cittadini”

Piano sanitario regionale e atti aziendali delle Asp, sen. Mauro (FI): “Difendere i piccoli ospedali non vuol dire difendere la salute di tutti i cittadini”
Ottobre 19
11:302015

“Dopo la nota congiunta dei Ministeri alla Salute e all’Economia che boccia il piano sanitario regionale e, quindi, gli atti aziendali delle Asp che su quello si basano, bisogna affrontare nuovamente la questione partendo dall’assunto che difendere l’esistenza dei piccoli ospedali non corrisponde necessariamente a tutelare gli interessi e la salute di tutti”. Lo dichiara il sen. Giovanni Mauro, commissario e portavoce di Forza Italia in provincia di Ragusa.
“L’intervento dei due ministri – spiega Mauro – non aggiunge nulla di nuovo alle linee guida che sia la Regione che le Aziende sanitarie locali già conoscevano, ma anzi conferma ciò che in molti, me compreso, avevano sostenuto: la direzione verso la quale si stava andando è sbagliata. È naturale che ogni realtà punti al mantenimento dell’esistente, ma bisogna essere certi che questo scopo non diventi poi una causa di danno per i cittadini. Favorire i piccoli ospedali, ridimensionando il progetto di un ospedale in fase di completamento, come nel caso di Ragusa, già sulla carta appare un’operazione dannosa, figuriamoci poi se messa in pratica”.
“Comprendo che per molti colleghi parlamentari, nazionali e regionali, sia importante tenere il punto sulla questione perché può servire a guadagnare consenso – continua – ma se per accontentare le richieste campanilistiche si è disposti a sacrificare la logica, l’efficienza e la qualità, vuol dire allora mettere in pericolo tutto il resto. Gli appunti mossi dalla nota dei due ministeri non sono né capricci né frutto di riflessioni esclusivamente ragionieristiche, ma puntano a migliorare l’offerta sanitaria secondo bacini di utenza ben precisi cercando di contenere la spesa in un settore che, lo sappiamo, per molto tempo è stato anche fonte di sprechi”.
“Ancora una volta, quindi – conclude Mauro – vorrei rivolgere un appello alle istituzioni della provincia di Ragusa affinché possano mettere in campo tutte le energie necessarie per riuscire a trovare punti di incontro e non divisioni, approfittando di questo caso per dar prova di unità e allo scopo di tutelare gli interessi dell’intera comunità”.

About Author

Redazione

Redazione

Related Articles