Reteiblea

Moscato (FDI): “Scoglitti, un disastro annunciato. Questa bomba igienica sanitaria non potrà essere insabbiata. Ci sono responsabilità chiare”

Moscato (FDI): “Scoglitti, un disastro annunciato. Questa bomba igienica sanitaria non potrà essere insabbiata. Ci sono responsabilità chiare”
Agosto 10
11:012015

Manifesta incapacità. E’ questa la ragione per la quale il consigliere di Fratelli d’Italia Giovanni Moscato punta il dito contro l’amministrazione ma anche contro certa burocrazia a seguito del disastro avvenuto a Scoglitti.
“Le strade di Scoglitti e le spiagge, in piena stagione estiva, ricoperte di fanghiglia e melma della fognatura sono il biglietto da visita dell’amministrazione Nicosia. Se non fosse un titolo sulla carta stampata stenteremmo a crederci – aggiunge Moscato -. “Scoglitti al centro del Mondo” diceva Fabio Nicosia giusto ieri. Un centro del mondo pieno di melma che è divenuta una bomba igienico sanitaria”.
“Il disastro di Scoglitti – attacca il consigliere di Fratelli d’Italia – ha responsabilità precise. Perché l’amministrazione ha chiuso, indicativamente l’anno scorso, il tubo del cosiddetto “troppo pieno” che permetteva lo sfogo delle acque in eccedenza specie in situazioni di maltempo? Chi ha autorizzato questo tipo di intervento? Se ci fosse stato uno sfogo si sarebbe evitata la fuoriuscita di liquami dai tombini che ha invaso anche la beach arena e altre spiagge del litorale. La chiusura del tubo de troppo pieno che sversava lungo la darsena del porto e’ opera di uno sprovveduto o di un folle? In ogni caso stavolta non si può fare finta di nulla. È’ possibile che anche stavolta nessuno paghi? Chi si vuole nascondere? Non è bastato il sequestro dell’impianto delle acque reflue?”.
“Adesso vogliamo parlare chiaro ai cittadini: ci troviamo dinanzi a un’emergenza igienico sanitaria dalle proporzioni spaventose – afferma Giovanni Moscato -. Tutta la zona della Lanterna ne è interessata e chiediamo con estrema urgenza analisi battereologiche e interventi di disinfezione straordinaria”.
“L’intervento di pulizia effettuato ieri deve rispettare tutti i massimi criteri di igiene. Vogliamo sapere se la sabbia, inondata dalla melma di ieri, è stata totalmente rimossa con le ruspe. Perché, in caso contrario, sarebbe un intervento svolto per nascondere la polvere sotto il tappeto. Vogliamo le analisi sulla salubrità della spiaggia della Lanterna e le rassicurazioni del sindaco, il primo responsabile della salute dei cittadini non ci bastano”.
“Il problema non è la pulizia delle strade – sottolinea Moscato – come qualche pseudo amministratore vuole fare capire ai cittadini con facili e false rassicurazioni ma le condizioni delle spiagge. Ci sono migliaia di cittadini a rischio e senza risposte”.
“Inutile la propaganda su Facebook di membri dell’amministrazione e del fratello del sindaco – conclude Moscato – che sottolinea i tempi celeri di pulizia della melma. Vorrebbero anche gli applausi? Per 19 anni il sindaco, ben conscio del problema fognatura, non ha ottenuto il benché minimo risultato per Scoglitti. Le dimissioni dell’intera giunta sarebbero l’unico modo per chiedere scusa alla città ancora una volta umiliata ma non ci aspettiamo nulla da questi signori. La stagione è definitivamente rovinata. Altro che centro del mondo!”.

About Author

Redazione

Redazione

Related Articles