Reteiblea

Vittoria. Cilia si dimette da assessore e le opposizioni non si fanno sfuggire l’occasione

Vittoria. Cilia si dimette da assessore e le opposizioni non si fanno sfuggire l’occasione
agosto 03
18:19 2015

Con poche righe, stamane, Vincenzo Cilia, consigliere comunale a Vittoria, si è dimesso dal suo incarico di assessore, ma non da consigliere, infatti, nella lettera rivolta al sindaco, precisare: “Spero di poter continuare a dare il mio modesto contributo all’interno del Consiglio comunale, svolgendo nel migliore dei modi il ruolo affidatomi dal voto popolare”.

Un’altra tegola sull’Amministrazione Nicosia, che, ovviamente, non è passata inosservata. La reazione delle opposizioni non si è fatta attendere. “E’ uno stillicidio continuo – dichiara Andrea La Rosa di Sviluppo Ibleo – Questa Giunta continua a perdere pezzi come se niente fosse. C’è l’impressione che tutti vogliano abbandonare la barca che affonda”. Non è sicuramente tenero La Rosa, che sottolinea, ma non entrando in merito, come una bella fetta del Pd sia in disaccordo con le scelte della Giunta e prosegue “Non possiamo non prendere atto di come la città continui a confrontarsi con una Giunta monca, che non riesce ad espletare al meglio i compiti per la quale è stata eletta. L’esperienza di Nicosia,che era partita sotto i migliori auspici, sta facendo registrare un bilancio dai risultati assolutamente negativi”.

Non sono da meno i consiglieri dell’Udc, Barrano, Cirica e Caruso, che dichiarano: “Le dimissioni dell’assessore Enzo Cilia sono l’ennesimo allarme rosso che agita come uno spauracchio questa Giunta del non fare. Il sindaco Nicosia sta chiudendo questa legislatura come peggio non si potrebbe. “All’ultimo rimpasto, Nicosia aveva assicurato sul fatto che quella sarebbe stata la Giunta del rilancio. Ma ancora stiamo aspettando che ciò accada. Piuttosto di quel gruppo già in due hanno fatto passi indietro, prima l’artista Arturo Di Modica e, adesso, Enzo Cilia, tra l’altro rappresentante dello stesso partito del sindaco. Ancora una volta la città si confronta con una situazione niente affatto piacevole che crea imbarazzo e che, soprattutto, pregiudica ogni azione volta a dare le risposte attese alla comunità ipparina”.

About Author

Rosario Distefano

Rosario Distefano

Related Articles