Reteiblea

Dario Gulino (M5S Ragusa) ricorda il lavoro dei volontari nella notte di capodanno

Dario Gulino (M5S Ragusa) ricorda il lavoro dei volontari nella notte di capodanno
Gennaio 10
13:16 2015

“Il forte senso civico dimostrato dai Volontari impegnati a vario titolo in occasione della eccezionale nevicata di Capodanno rappresentano un modello ed un esempio da seguire per l’intera comunità”.
Questo il plauso rivolto dal consigliere comunale del M5S, Dario Gulino, ai numerosi volontari impegnati nella notte del 31 dicembre nelle operazioni di supporto ed ausilio a servizio della città.
“Un ringraziamento doveroso va a tutti gli operatori della Protezione Civile Comunale che hanno prestato un servizio di assistenza continua durante tutta la notte. Tra questi, in particolare, meritano un ringraziamento speciale gli oltre 30 volontari del “Nucleo Comunale Fuoristrada” che, incuranti del freddo, della festività e sotto la neve, hanno lasciato le loro case per fornire un’assistenza preziosa e necessaria alla cittadinanza, impiegando i loro mezzi e le loro attrezzature, sopportandone anche le spese, senza chiedere nulla.
Oltre un centinaio, secondo quanto mi è stato riferito, i mezzi trainati, anche al di fuori della città, ed almeno altrettante persone assistite dai 15 fuoristrada impiegati dall’una di notte alle 10 del mattino.
A questo si aggiunge l’assistenza, nel montaggio delle catene da neve, ai tanti automobilisti in difficoltà, nonché a coloro che ne erano totalmente sprovvisti ed incuranti dell’allerta meteo si erano messi ugualmente in viaggio.
Diversi gli attestati di stima giunti ai volontari impegnati, anche attraverso i social network. Infine va segnalato il grande senso di responsabilità di tantissimi cittadini i quali hanno sopportato i disagi creati dall’improvviso peggioramento delle condizioni meteo, e, dopo aver festeggiato il Capodanno in compagnia dei Tinturia e degli Onorata Società, in una piazza stracolma e con un atmosfera magica, senza perdersi d’animo e con un buon senso di responsabilità, hanno preferito raggiungere le proprie abitazioni a piedi evitando maggiori rischi e conseguenti ulteriori criticità”.

About Author

Redazione

Redazione

Related Articles