Reteiblea

Ferrovia del futuro

Ferrovia del futuro
Gennaio 04
20:52 2015

Gli ultimi giorni del 2014 ha visto accendersi, sui giornali, il dibattito sulla inefficienza delle Ferrovie siciliane ma anche sulla evidente incapacità della politica di affrontare il tema con propositi di risoluzione. Però non si riesce a cavare un ragno dal buco e dopo l’inaspettata nota di Gigi Bellassai che sembra essere ” tornato dal futuro” e la risposta piccata del responsabile del Cub il mitico Pippo Gurrieri oggi registriamo l’intervento dell’ex consigliere provinciale Angela Barone oggi in veste diesponente di un partito di governo quasi “da penitente” affronta il tema con buoni propositi dando ragione all’uno e all’altro. Al di la della legittima polemica politica nei confronti del partito oggi al governo nazionale e regionale, entrambi hanno il merito di riportare la “cenerentola ferrovia” al centro del dibattito politico.Ha ragione Bellassai nel focalizzare l’attenzione sulla arcaicità della rete e dei vettori ferroviari, ed ha ragione Gurrieri nel ricordare l’imperdonabile sottovalutazione e la colpevole disattenzione di tutta la
classe politica degli ultimi 30 anni, mostrate nei confronti del progressivo, costante e continuo abbandono di interventi ed investimenti sulla rete, considerata ramo secco improduttivo da tagliare.Pochissime le voci a difesa del sistema, tacciate di poca capacità di valutazione economica, quasi fuori dalla storia, e pochissimi gli interventi di pressione politica, ritenuti elettoralmente poco produttivi. Unica voce fuori da questo coro, il colpo d’ala della Giunta Chessari che nel 1997 presenta il primo piano di mobilità urbana che prevede il riutilizzo della linea ferroviaria quale metropolitana di superficie, progetto giustamente ripreso a distanza di quasi venti anni dalla attuale amministrazione, perché ancora oggi attualissimo.
Salva questa eccezione, gli errori però commessi dalla classe politica dimostrano pochezza di valutazione strategica e scarsa conoscenza dell’importanza e della centralità del sistema ferroviario per la crescita della società.
L’aver aderito passivamente ad un disegno politico di valutazione esclusivamente economica della rete ferroviaria, di tal che ogni scelta veniva fondata e legittimata solo dalla produttività in termini economici di ogni singolo tratto di rete, dimostra l’ignoranza del ruolo e della finalità della rete e la doverosità del suo mantenimento e del suo potenziamento, ruolo per altro non sostituibile dalla rete stradale.Infatti a prescindere dall’ulteriore tema della contestuale assenza di rete stradale, in ogni caso è mancato alla classe politica provinciale, e primi tra tutti i vertici della oramai ex Provincia regionale, la capacità di comprendere che, a differenza del trasporto su gomma, in cui il vettore è a 99% mezzo di proprietà privata automobile), non accessibile a tutti per condizioni economiche (costi di acquisto e manutenzione) e sociali (età e disabilità), il treno è invece accessibile a tutte le categorie sociali ed economiche, essendo i nuovi vettori attrezzati per i disabili fisici.
Infatti solo grazie ad un compiuto, efficiente e capillarmente diffuso sistema ferroviario si garantiscono a tutti libertà di movimento, parità sostanziale sociale ed economica, e rispetto dell’ambiente, valori e principi costituzionali che dovrebbero essere conosciuti innanzitutto da chi oggi si propone come novello costituente.L’impegno quindi, innanzitutto del mio partito, oggi gravato della funzione di governo, non può che essere quello di riportare al centro dell’agenda politica il tema ferrovie siciliane di periferia, operando fattivamente sia sul piano legislativo che amministrativo, memore degli errori commessi nel passato.
Apprezziamo l’intervento dell’avv Barone a patto che si resti con i piedi per terra. Una metropolitana di superficie serve, eccome, ma deve avere una grande capacità di servizio: collegare varie parti della città con un certo numero di fermate. Purtroppo la nostra è carente proprio in quella che sarebbe l’esigenza più forte avvicinare Ibla con il centro della città. Questo infatti non è assolutamente possibile perchè la stazione del vecchio quartiere è troppo lontana per essere raggiunta da eventuali viaggiatori. Poi la linea è davvero limitata nel percorso urbano visto che potrebbe essere sfruttata solo nella parte sud e cioè dalla stazione di piazza del Popolo fino alla zona industriale, ben poca cosa, e poi fino al costruendo ospedale. Insomma uno sforzo economico abbastanza forte per risolvere solo in parte i problemi della mobilità. Piuttosto interessante invece l’ipotesi del treno provinciale visto che la ferrovia con spirito innovativo già a fine ottocento collegava in pratica quasi tutti i comuni della nostra provincia a partire da Ispica via via fino a Pozzallo, Scicli, Modica Ragusa, Donnafugata, Comiso e Vittoria. Qualche anno fa, dall’ente Provincia, fu fatto un progetto per la famosa “pedemontana” che doveva poi guardare ad un collegamento più breve da Monterosso a Vizzini permettendoci di baipassare Siracusa per arrivare a Catania. Questo può sembrare più credibile e trovandoci a discutere con grandi partiti di governo si potrebbe fare una progettazione che guardi davvero al futuro!

About Author

Direttore

Direttore

Related Articles