Reteiblea

Servizio di igiene ambientale a Vittoria, l’allarme lanciato dall’Udc

Servizio di igiene ambientale a Vittoria, l’allarme lanciato dall’Udc
ottobre 21
12:17 2014

I consiglieri comunali dell’Udc di Vittoria, Daniele Barrano, Santo Cirica, Franco Caruso e Salvatore Sanzone, chiedono al sindaco di intervenire per fare chiarezza sulla grave questione riguardante la gestione del servizio di igiene ambientale sul territorio comunale. “Ci sembrava che, con l’avvento della Sap e con la liquidazione dell’Amiu – dicono i quattro consiglieri – tutti i problemi sarebbero finiti nel dimenticatoio e per la nostra città, che ne aveva forte bisogno, si sarebbe aperta una stagione nuova sul fronte della nettezza urbana, settore delicatissimo per la vita di ogni città. Oggi, invece, prendiamo atto che nulla di tutto questo è stato rispettato e che, anzi, la situazione, con un eufemismo, si può definire esplosiva considerato che già per lunedì prossimo, 27 ottobre, è stata proclamata una giornata di sciopero dei netturbini i quali si riuniranno sabato 25 in assemblea per decidere ulteriori eventuali azioni di protesta di concerto con i sindacati. Nel mezzo tutta una serie di rivendicazioni che hanno reso assolutamente problematica la gestione del servizio. Ora, se è prerogativa dell’azienda gestire i rapporti di lavoro come meglio ritiene, salvo poi doversi confrontare con le legittime richieste delle organizzazioni sindacali, è nostro dovere, in qualità di consiglieri comunali, mettere in luce come questa situazione è destinata a ripercuotersi sulla pulizia della città, del centro abitato e della periferia in particolare. I vittoriesi rischiano di scontare sulla propria pelle una contrapposizione tra le parti su cui l’Amministrazione comunale è chiamata ad intervenire non foss’altro per assicurarsi che il servizio continui ad essere espletato nella maniera migliore. Ribadiamo la nostra preoccupazione perché le tensioni emerse non lasciano presagire alcunché di buono. Ci auguriamo che nei prossimi giorni i problemi possano rientrare, lasciando spazio al dialogo e alla concordia, così che il servizio possa essere riavviato al meglio”.

About Author

Redazione

Redazione

Related Articles