Reteiblea

Asp7. Un convegno per conoscere e contrastare i disturbi alimentari nei più giovani

Asp7. Un convegno per conoscere e contrastare i disturbi alimentari nei più giovani
Ottobre 16
16:272014

L’U.O.C. – Unità Operativa Complessa Neuropsichiatria Infantile – dell’Asp di Ragusa – ha organizzato per sabato, 18 ottobre 2014, alle ore 9.00 presso la sala conferenze Avis – via Della Solidarietà n. 1, il convegno: “I disturbi del comportamento alimentare e del peso in età evolutiva: prevenzione, diagnosi e percorsi di cura.”

Il convegno è articolato in due sessioni.
Aprirà i lavori, per un saluto, il direttore generale, dr. Maurizio Aricò , a seguire le relazioni dei dottori: Lia Iacoponelli e Giuseppe Buffa, psichiatri del CEDIAL – Centro per i Disturbi del Comportamento Alimentare – Asp di Palermo; della dott.ssa Giuseppa Carmela Russo, neuropsichiatra infantile dell’Asp di Catania.

Il dott. Pino Morando, direttore dell’U.O.C. Neuropsichiatria Infantile – Asp Ragusa e il dott. Giovanni Di Martino, Direttore del Servizio di Psicologia dell’Asp di Ragusa, avranno il compito di moderare i lavori della prima sessione.
Seguirà una tavola rotonda che si avvarrà degli interventi di numerosi dirigenti medici dell’Azienda Sanitaria.

L’aumento dell’incidenza e della prevalenza di disturbi del comportamento alimentare in bambini e adolescenti fa sì che diventi essenziale acquisire familiarità con la diagnosi e la cura di questi disturbi. I risultati di alcuni studi epidemiologici hanno indicato che il numero di bambini e ragazzi con disordini alimentari è in costante crescita dagli anni Cinquanta. Infatti, nell’ultimo decennio, la prevalenza dell’obesità, in queste fasce della popolazione, è aumentata drasticamente, probabilmente anche come conseguenza di una maggiore enfasi sulle diete e sulla perdita di peso anche tra i bambini e gli adolescenti.

‹‹Obiettivo del convegno – dice il direttore della Neuropsichiatria – dr. Morando – è quello di fornire ai partecipanti: formazione ed aggiornamento professionale; realizzare un confronto e una condivisione delle varie esperienze professionali, ecco il senso della tavola rotonda, ed infine comunicare, il modello esperienziale, messo in atto dalla Neuropsichiatria dell’Asp, già dal 2012, del piano delle azioni, dei percorsi per la diagnosi e la terapia dei disturbi del comportamento alimentare in adolescenza.››

About Author

Redazione

Redazione

Related Articles