Reteiblea

Il Comune di Ragusa approva il regolamento dell’IUC

Il Comune di Ragusa approva il regolamento dell’IUC
luglio 23
15:53 2014

Il Consiglio Comunale riunitosi nel pomeriggio di ieri, martedì 22 luglio, ha approvato con 16 voti a favore, 2 contrari e 3 astenuti il Regolamento comunale per l’applicazione dell’Imposta Unica Comunale (IUC) – Approvazione del piano finanziario degli interventi – Aliquote e tariffe per l’anno 2014.
Con l’importante atto sulla IUC che si compone di tre distinte entrate e precisamente la l’IMU, la TASI e la TARI, sono state definite le rispettive aliquote che entrano in vigore con decorrenza 1° gennaio 2014.
“Con l’approvazione da parte del Massimo Consesso dell’importante delibera – dichiara l’Assessore alle risorse economiche e patrimoniali Stefano Martorana – è stato definito un altro tassello della rivoluzione avviata dalla Giunta Piccitto”. L’approvazione del Regolamento che disciplina l’Imposta Unica Comunale, con l’azzeramento della TASI, la nuova tassa sui servizi indivisibili che avrebbe costretto i cittadini a pagare oltre 5 milioni di euro – aggiunge l’amministratore comunale – rappresenta il passaggio più importante della proposta di Bilancio che sarà discussa nei prossimi giorni in Consiglio Comunale. Ancora più importante è l’impianto di agevolazioni ed esenzioni previste dalla Giunta e dalla maggioranza del M5S. Tra queste, le esenzioni della TARI, la Tassa sui Rifiuti, per i primi tre anni a favore delle nuove attività e dei nuovi residenti del centro storico di Ragusa Superiore, la riduzione del 50% per le abitazioni su più piani che costituiscono uniche unità abitative, la riduzione fino al 50% sulla base del materiale differenziato conferito presso il Centro comunale di raccolta e l’utilizzo della bilancia pesa rifiuti, l’equiparazione ai fini IMU alle prime abitazioni di quelle in comodato d’uso gratuito ai figli o ai genitori, le esenzioni sulla base delle dichiarazioni ISEE, senza trascurare le riduzioni applicate nel calcolo delle tariffe per ristoranti, pizzerie, bar, ortofrutta e paninerie, penalizzate dalla logica prevista dal legislatore per la TARI. Esprimo pertanto la mia personale soddisfazione, per un atto che mostra chiaramente il progetto di città della Giunta e della maggioranza del M5S. Spiace rilevare – conclude l’Assessore Martorana – lo scarso contributo di alcuni consiglieri di opposizione, fatta eccezione per quelli del Pd, che hanno disertato i lavori dell’aula sulla base di valutazioni e giudizi raffazzonati sulla legittimità dell’atto, che dovrebbero competere al Segretario Generale o al Collegio dei Revisori. Relativamente all’atto approvato ieri, entrambi non hanno segnalato alcuna anomalia.”

About Author

Redazione

Redazione

Related Articles