Reteiblea

Chiara Giombarresi è la nuova presidentessa dei giovani industriali Ragusa

Chiara Giombarresi è la nuova presidentessa dei giovani industriali Ragusa
Giugno 21
11:062014

Chiara Giombarresi, classe 1975, coniugata e madre di tre figli, socia attiva di Intrapresa Sas di Ragusa, azienda leader nel settore dello sviluppo software per la filiera della distribuzione carburanti, è stata ieri eletta all’unanimità Presidente dei Giovani Industriali di Confindustria Ragusa.

Subentra al Presidente uscente Mario Molè, eletto Presidente del Coexport il 31 gennaio scorso nonché membro di Giunta nazionale Federmeccanica il 16 aprile scorso.

Primo presidente donna nella storia del Gruppo GI di Ragusa, la sua elezione costituisce riconoscimento dell’impegno profuso, dal 2003, come membro attivo del Gruppo e, dal 2011, quale Vice Presidente al fianco di Mario Molè.

Con lei, è stata altresì eletta la squadra dei Vice Presidenti: Cappello Maria Ivana della Cappello Alluminio srl di Ragusa, Gurrieri Eugenia della Prefabbricati Sgarioto srl di Ragusa, Leucata Daniele della Ariap spa di Ragusa, Licitra Leonardo della I.La.P. spa di Ragusa e Tasca Giovanni della Comes sas di Ragusa, cui si aggiungono, quali membri del Consiglio Direttivo del Gruppo, anche Bonsignore Barbara della Dpm Consulting srl di Ragusa, Carfi’ Giovanni della Idromeccanica srl di Ragusa, e Tasca Eugenio della Comes sas di Ragusa

“Sono onorata e contenta – ha dichiarato Chiara Giombarresi – di essere stata scelta per succedere a Mario Molè alla presidenza del Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Ragusa, cui porterò la mia esperienza di donna e imprenditrice di prima generazione. La fiducia espressami dai colleghi e l’esempio dei miei predecessori saranno uno stimolo potente a esercitare il mio ruolo in maniera efficace e incisiva. Insieme al Gruppo ci proponiamo di lasciare ad altri la difesa dello status quo, piuttosto incoraggeremo ogni sforzo per trovare nuove strade, verso un nuovo modello di sviluppo, una nuova prosperità che recuperi il rapporto perduto con il territorio, l’ambiente e le persone”.

About Author

Redazione

Redazione

Related Articles