Reteiblea

Continua il batti e ribatti

Continua il batti e ribatti
Gennaio 13
14:042014

Continua lo scontro tra il consigliere Migliore e l’amministrazione Piccitto. Ma forse sarebbe meglio dire tra Sonia Migliore e alcuni del movimento 5 stelle visto che poi, dalle carte e dalle delibere, si passa spesso a fare considerazioni e commenti più personali che politici. Ora, nella questione dell’aumento di stipendio al segretario generale, dopo la piccata risposta del movimento, c’è la contro risposta del consigliere e, come era facile aspettarsi, dentro c’è anche una buona dose di sarcasmo e molte accuse di incapacità, dilettantismo etc tec. Ci aspettiamo ora la contro contro risposta ma continuando così, a breve verranno messe in piazza anche pettegolezzi e dicerie varie toccando amici e famiglie. Speriamo di no perchè l’immagine della città e del consiglio comunale verrebbe rovinata. “Avevo deciso di non replicare più alle accuse del Movimento di Grillo, soprattutto ai rappresentanti della maggioranza in seno al Consiglio comunale di Ragusa, perché sono assolutamente offensive sul piano personale, dato che non sanno cosa sia la politica né il rapporto umano. Se pensano di poter “soffocare” la mia libera, convinta e doverosa azione di opposizione al loro “irresponsabile” governo della città con le calunnie, le derisioni o le minacce di denunce, si sbagliano di grosso”. Così Sonia Migliore controreplica alle affermazioni fatte dal meet up di Ragusa che addirittura definiscono la consigliera comunale in malafede. “Tutto ciò che una Amministrazione delibera – spiega Migliore – è frutto di una scelta politica e nulla li ha obbligati nelle determinazioni che sino ad ora hanno adottato: dall’aumento di 10 milioni di tasse (e di certo non sono io ad aver creato “il mito delle loro tasse”) agli stipendi dei dirigenti per nulla dimezzati; dall’indennità maggiorata del segretario generale alle 17 assunzioni che stanno effettuando al Comune, per nulla “strettamente necessarie”. Pensino che, proprio grazie alle proteste dell’opposizione, dinanzi alla predisposizione di delibere assurde, ne hanno determinato il ritiro delle stesse subito dopo, come l’aumento delle strisce blu. Pensino, piuttosto, che con l’opposizione vigile hanno evitato di compiere atti di dubbia legittimità, come il progetto di accompagnamento dei disabili ai cimiteri; il trasferimento dei due dirigenti della ditta Busso presso la protezione civile; il canale della diretta in streaming del Consiglio usato per fini politici. E pensino, inoltre, alla delibera delle somme anticipate per Ibla Buskers dal piano di spesa della legge 61/81 senza che lo stesso fosse stato ancora approvato; o alle lacune dei loro bandi di concorso per il dirigente economista e per i due dirigenti che assumeranno a tempo determinato. Pensino, altresì, al motivo per cui è stato mandato “in vacanza” l’ex segretario generale, pensino ai loro “supporter” che fungono da controllori e controllati. Pensino ai danni erariali che stanno determinando al Comune, come lo stop al progetto della Concordia dopo che si sono spesi quasi 4 milioni di euro o alle bollette Ici del 2008, quasi tutte regolarmente annullate dagli uffici. Pensino a far funzionare i centri storici e la commissione, visto che la gente aspetta risposte e in 6 mesi si sarà riunita appena un paio di volte. Pensino ai rilievi e alle ispezioni che ricevono dalla Regione. Pensino a questo e ad altro i grillini, che si innervosiscono troppo dinanzi alla mia opposizione e se questa non è di loro gradimento e non è utile per loro, ovviamente è utile ad una città che, in soli sei mesi, stanno mettendo in ginocchio, loro e non le precedenti amministrazioni, i cui conti, ampiamente verificati, parlano chiaro. Pensino, infine, ai loro alleati, dentro e fuori dal Consiglio comunale, da cui ogni giorno vengono sconfessati o attaccati: “dilettanti allo sbaraglio” li ha definiti pubblicamente un loro alleato dopo solo un paio di mesi di amministrazione e solo qualche giorno fa un altro degli alleati si è rivolto a Babbo Natale affinché illuminasse la loro arroganza e imparassero a confrontarsi, anche con l’opposizione, che non è affatto la peste come pensano loro. Che la finiscano di fare chiacchiere e pensino a governare una città che sta affondando anche e grazie alla loro amministrazione diciamo molto “sprovveduta” e pochissimo accorta”.

About Author

Redazione

Redazione

Related Articles