Reteiblea

Aggredisce la moglie per futili motivi: arrestato

Ottobre 21
10:48 2013

carabinieriModicaI Carabinieri di Vittoria hanno tratto in arresto un vittoriese cl. 80, residente a Vittoria, disoccupato, poiché ritenuto responsabile di aver colpito, alla presenza del loro figlio minore, con schiaffi e pugni la moglie convivente, cingendola con forza per il collo, con la quale non è in corso alcuna procedura di separazione.
A seguito dell’aggressione, la vittima cl. 86, si recava presso il locale Pronto Soccorso dell’Ospedale Civile “R. Guzzardi” dove veniva sottoposta alle cure del caso e dimessa, riscontrandola affetta da “Contusione cranica – contrattura dei laterali del collo da trauma indiretto – arrossamento collo da presa”. Nel corso degli accertamenti è stato possibile appurare che l’aggressione è scaturita a seguito di futili motivi connessi a problemi economici, nonché inquadrare l’episodio in un rapporto matrimoniale deterioratosi da circa due anni, nel corso dei quali sono seguiti una serie di aggressioni e angherie per le quali la donna non aveva presentato alcuna denuncia. Al termine delle formalità di rito, l’arrestato è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Ragusa a disposizione dell’Autorità Giudiziaria Iblea davanti la quale dovrà rispondere del reato di maltrattamenti in famiglia.
Si tratta del primo arresto per maltrattamenti contro familiari o conviventi effettuato dopo La conversione in legge del Decreto Legge approvato dal Consiglio dei Ministri l’8 agosto u.s. per la “Prevenzione e contrasto della violenza di genere”, recante disposizioni finalizzate a rafforzare gli strumenti di prevenzione e repressione di alcune fattispecie delittuose consumate nel più ampio ambito della “violenza domestica”.

About Author

Redazione

Redazione

Related Articles