Reteiblea

Dopo il caso Montezemolo.

Agosto 24
10:482013

LUCA CORDERO DI MONTEZEMOLO E FAMIGLIA FORMENTERASembra si possa stare più tranquilli sullo stato di salute del piccolo Lupo il figlio di tre anni del presidente della Ferrari, Luca Cordero di Montezemolo. Il bambino e’ rimasto ustionato a causa del rovesciamento di una pentola con acqua bollente mentre era in vacanza in barca a largo della provincia di Ragusa. Il piccolo ha riportato ustioni di secondo grado ed è ricoverato in terapia intensiva. Ad assistere il bambino l’intera equipe del direttore dell’Unita’ operativa grandi ustionati del Cannizzaro che subito dopo ha emesso una nota stampa nella quale si diceva che le condizioni non erano particolarmente gravei. “Il bambino ha riportato ustioni di primo e secondo grado, provocate dall’acqua calda rovesciatasi da una pentola, che interessano l’emitorace sinistro, il braccio sinistro e una piccola parte del dorso, per circa il 10% della superficie corporea. Si tratta, quindi, di ustioni di lieve entità e su un’area limitata. Il piccolo, che si trovava con la famiglia in barca nelle acque del Ragusano, è stato trasportato prima all’ospedale di Ragusa e da qui, date le condizioni, con elisoccorso e ambulanza, nella terapia intensiva del reparto specializzato di Catania, dov’è stato accudito dai genitori. Piccola nota di colore. Appena la notizia si è diffusa in città all’ospedale civile si sono riversate, in pochi minuti, le autorità provinciali. Tutti in giacca e cravatta. Una testimonianza di efficienza e un pò troppo rispetto per il personaggio. Velocissimo anche l’arrivo dell’elisoccorso che, per fortuna, non ha avuto guasti e ritardi come nel caso della giovane mamma di Nicosia. E le cose dovrebbero sempre andare per i verso giusto non solo quando c’è di mezzo qualcuno di importante. Tremiamo a pensare cosa avrebbero detto della sanità siciliana ed iblea davanti ad un inghippo del genere che vedeva coinvolto uno dei personaggi più illustri del paese con tutte le autorità, in ghingheri, nella saletta dell’ospedale. C’è stata pure una corsa in auto, della polizia, così almeno si dice, fino al Cannizzaro, per la mamma del piccolo che non sarebbe riuscita a salire in elicottero. Tutto bene per fortuna del piccolo Lupo e della nostra provincia!

About Author

Direttore

Direttore

Related Articles