Reteiblea

Amministrative Ragusa: Salvo Mallia appoggia il candidato sindaco Giovanni Cosentini

Giugno 12
18:052013

Mallia Dipasquale CosentiniNell’attesa che si arrivi alla data del ballottaggio tra il candidato sindaco del M5S Piccitto e quello sostenuto dalla coalizione Udc-Pd-Megafono Cosentini, compare il primo comunicato di “intenzione di voto”, se così si può definire. Si tratta di Salvo Mallia che è stato candidato al Consiglio Comunale nella lista del Pdl e che ha deciso di palesare la propria preferenza tra “politica” ed “antipolitica”, schierandosi ufficialmente con Giovanni Cosentini. Ecco il testo della sua nota agli organi di stampa:
“Fra meno di due settimane, i cittadini ragusani saranno chiamati a scegliere la nuova guida della città. Ma non si tratta solo di questo: recandosi alle urne dovranno decidere quale stile di amministrazione vorranno per Ragusa, se premiare la Politica o il suo opposto, l’esperienza amministrativa o gli slogan di piazza.
La nostra città, però, ha necessità di avere una solida amministrazione per superare un anno di gestione commissariale ed avviare tutta una serie di interventi che riportino Ragusa ad una situazione economica e sociale accettabile.
Per questi motivi, ritengo che in questa particolarissima fase politica, caratterizzata dall’attesa del turno elettorale del ballottaggio, sia necessario abbandonare le appartenenze politiche e di scuderia, schierandosi con fermezza contro la cosiddetta “antipolitica” e sostenendo, invece, la Politica.

Per quanto riguarda il sottoscritto, la decisione è lineare: il candidato sindaco Giovanni Cosentini rappresenta una coalizione fatta non solo da movimenti civici, ma anche da partiti storici, possiede – a mio avviso – il necessario bagaglio di esperienza utile ad amministrare una città come Ragusa, vantando intorno a sé una buona squadra assessoriale. Sono tutte qualità che non riesco a vedere nell’altro candidato e che mi convincono ad appoggiare Cosentini al ballottaggio.
Per queste stesse ragioni, inoltre, intendo invitare quanti, come me, hanno sempre creduto nella Politica come l’unico strumento per occuparsi con passione della cosa pubblica, ad avviare analoga riflessione, superando le preclusioni da “avversari” in campagna elettorale e ragionando, invece, sulla possibilità di essere alleati della politica”.

About Author

Redazione

Redazione

Related Articles