Reteiblea

E’ arrivata la Ryanair….da agosto CIA CIY CIA

giugno 07
14:36 2013

ryanair conf stampaE’ stata davvero la giornata del Magliocco quella che ha visto, fin dalle 8,45 di oggi, 7 giugno, l’attenzione dei mass media e dei politici puntata sulla appena inaugurata struttura aeroportuale. Dicevamo fin dalla prima mattina quando in un saletta si è svolta l’annunciata conferenza stampa dei vertici della Soaco con i responsabili della Ryanair e poi intorno alle 10,30 con il convegno organizzato dalla regione per sperticarsi in lodi pe rla struttura. Ma torniamo al primo appuntamento.  E’ stato ufficializzato l’accordo della Soaco con la compagnia aerea irlandese che, con la sua politica del basso costo, fa volare ogni anno trenta milioni di passeggeri. Come ha detto il boss,  mr Michael  Cawley,un omone alto circa 1,90, ” noi siamo qui per portare più gente possibile perchè questo è il nostro business: far volare le persone spendendo poco. E non sbaglia: se sono attendibili le slide che hanno fatto vedere ai giornalisti presenti. La Ryanair cresce nel trasporto dei passeggeri e aiuta gli aeroporti a crescere.  Ben venga dunque con le sue offerte iniziali.  Intanto spieghiamo cosa significano le sigle nel titolo. Tutti gli aeroporti del mondo hanno una sigla di 3 lettere. Comiso sarà identificato con CIY e Ciampino con CIA. Per farvi capire meglio diremo che Fiumicino è FCO e Malpensa MXP. Dunque CIA CIY CIA  vuol dire Ciampino Comiso Ciampino E questo volo sarà acquistabile dal 7 agosto. Sarà un volo quotidiano, escluso la domenica. Da settembre invece ci saranno due collegamenti settimanali per Charleroy vicino Bruxelles e per Stansed uno dei tanti aeroporti londinesi.  Prezzi da offerta fin da subito per lanciare le destinazioni. Il progetto è in evoluzione hanno detto gli irlandesi, rispondendo ai giornalisti, ma non va in concorrenza  ne con Trapani, dove la compagnia resta stabilmente ne con Catania. “No comment” su eventuali incentivi da parte della Regione o degli enti locali. La  Ryanair non prende contributi da nessuno. Ben diversa questa affermazione dalla convinzione di ognuno di noi che pensa invece che la compagnia va solo dove viene incentivata. E qui c’è stato un simpatico siparietto che ha fatto sorridere i presenti. Mr Michael  Cawley non ha peli sulla lingua e nella sua disquisizione in inglese ha detto che Catania è un aeroporto troppo caro per la loro politica dei prezzi. A quel punto tra gli spettatori in ultima fila ha preso la parola l’ing Mancini, AD della Sac, gestore dell’aeroporto di Catania. Mancini ha voluto smentire Cawley affermando che i prezzi dei servizi a Catania sono come da listino dell’ENAV. Ma l’irlandese non ha incassato e si è lanciato  invece all’attacco. L’isola verde ha più o meno gli stessi abitanti della Sicilia. Ma in Irlanda, dove piove sempre e fa freddo e non ci sono  così tanto attrazioni paesaggistiche e  culturali,  si genera un traffico passeggeri doppio di quello registriamo  nei quattro aeroporti della nostra isola. Perchè? E’ facile spiegarlo. I manager siciliani non vogliono  avere più passeggeri, non vogliono abbassare i prezzi e non vogliono scendere in concorrenza. Insomma così stiamo bene e non diamo confidenza a nessuno. Si è anche acceso un piccolo batti becco.  Mancini cercava di difendere una posizione che è ben nota a tutti: chi vuole venire a Catania deve pagare. Punto e basta. Ma Michael  Cawley mette all’angolo   il manager catanese. ” Ci sono 5 milioni di passeggeri per voi. Se li volete, appena finisce questa conferenza stampa, andiamo in un ‘altra sala e parliamo”. Ma l’incontro non c’è stato. Rimandato ad un momento meno concitato. Alla fine però c’è il risultato sperato ed auspicato da Dibennardo ed Alfano. L’aeroporto è stato aperto magari contro la volontà di qualcuno,  in anticipo, ma ad agosto ci sarà del movimento.   Non approfondiamo il mistero delle incentivazioni. Sarebbe infatti pericoloso scoprire dove vanno a finire i ” sostanziosi” contributi che  il territorio ha stanziato per le compagnie.  Ora bisognerà capire cosa fare per questi 2 mesi. Il progetto più realistico è quello dei voli su Malta.  Dopo i primi due del 21 e 23 giugno c’è in animo di continuare per  tutta l’estate. Ma il territorio sarà disponibile allo stesso modo?

About Author

Direttore

Direttore

Related Articles