Reteiblea

Stop agli scippi

Maggio 03
20:282013

scippo (1)Negli ultimi tempi la Polizia di Stato ha intensificato i servizi di controllo del territorio, con l’impiego di pattuglie aggiuntive al fine di prevenire la commissione di reati che destano particolare allarme sociale in quanto commessi ai danni delle fasce più deboli della collettività. In particolare, le pantere della Polizia di Stato hanno concentrato la loro presenza e indirizzato la loro attenzione nelle zone della città, e durante gli orari, dove maggiore è la presenza di persone anziane. Nell’ambito di detti servizi, nel pomeriggio di ieri il personale della Squadra Volante della Questura di Ragusa ha arrestato 7 persone, tutte giovanissime, di età compresa tra i 15 e i 19 anni. Tra i maggiorenni, risultano in stato di arresto: CILIA Giampaoloragusano di anni 19 con precedenti di polizia per furto aggravato; BATTAGLIA Samuel ragusano di anni 20 con precedenti di polizia per furto in abitazione; PACE Damiano ragusano di anni 19 con precedenti di polizia per guida in stato di alterazione dovuto all’uso di sostanze psicotrope. Tra i 4 minorenni arrestati, due risultano avere precedenti di polizia per reati contro il patrimonio.

 

Intorno alle ore 17.00, una telefonata giunta al 113 segnalava uno scippo avvenuto a Ragusa, in zona Piazza Carmine, ai danni di un’anziana signora di 86 anni: appresa la nota, due pattuglie convergevano immediatamente sul posto; raccolte le prime informazioni sull’accaduto ed una sommaria descrizione degli autori del reato, e grazie alla collaborazione di un passante, gli operatori di Polizia riuscivano in brevissimo tempo a rintracciare il gruppo di giovani che, nel frattempo, si era dato alla fuga allontanandosi dallocus commissi delicti.

 

Nelle immediatezze, il personale operante riusciva altresì a recuperare la borsa di proprietà dell’anziana donna (al cui interno erano contenuti tra l’altro 250,00 euro in denaro contante) di cui i giovani malviventi si erano impossessati e subito dopo disfatti, occultando meticolosamente il denaro all’interno di un’auto in sosta parcheggiata nella locale via Pezza.

 

Le indagini svolte successivamente consentivano di appurare che i 7 ragazzi – riuniti in branco – avevano concordato la commissione del reato ai danni dell’anziana donna, individuandola quale facile obiettivo per la realizzazione dell’episodio criminoso.

La refurtiva recuperata veniva restituita alla proprietaria.

 

 

About Author

Redazione

Redazione

Related Articles