Reteiblea

Per i carabinieri d’Italia

Maggio 02
20:412013

SAMSUNGDue bandiere tricolori ripiegate con la firma di centinaia di cittadini che hanno voluto così esprimere la loro solidarietà al Brigadiere Giuseppe Giangrande e al Carabiniere Scelto Francesco Negri, feriti il 28 aprile scorso a Roma nell’assolvimento del proprio dovere, sono state consegnate da due alunni delle Scuole “Mariele Ventre” e “Berlinguer” al Comandante Provinciale dell’Arma dei Carabinieri di Ragusa, Tenente Colonnello Salvatore Gagliano.

Si è conclusa così la partecipata cerimonia organizzata da Pierfrancesco Cilia, in rappresentanza di tantissimi concittadini, e patrocinata dal Comune di Ragusa, svoltasi stamani in Piazza Caduti di Nassirya, di fronte alla Caserma del Comando Provinciale dei Carabinieri.

Tanti i cittadini presenti così come le Associazioni d’Arma, le autorità civili e militari.

Coordinatore della cerimonia è stato Pierfrancesco Cilia che ha invitato, prima di dare la parola al Comandante Provinciale dell’Arma dei Carabinieri di Ragusa, il Presidente del Consiglio Comunale e il Commissario Straordinario della Provincia Regionale di Ragusa a portare il saluto delle rispettive amministrazioni.

Il Comandante Provinciale dell’Arma, Tenente Colonnello Salvatore Gagliano, nel suo intervento a fianco ad un picchetto schierato, ha ringraziato in primo luogo Pierfrancesco Cilia per aver voluto promuovere l’iniziativa. “Gli italiani e quindi anche i cittadini ragusani – ha affermato – hanno sempre dimostrato di essere vicini ai carabinieri, testimoniando oggi chiaramente il loro grande affetto verso l’Istituzione. Affetto chiaramente ricambiato dai militari della provincia iblea, dediti completamente al servizio per la collettività. Mi auguro davvero che i due militari feriti possano riprendersi presto e guarire completamente per poter ritornare quanto prima in servizio, al servizio del tricolore che qui oggi è stato donato”.

Le due bandiere tricolori con le firme raccolte saranno consegnate ai militari dell’Arma Giangrande e Negri quale testimonianza d’affetto e gratitudine della città di Ragusa.

About Author

Redazione

Redazione

Related Articles