Reteiblea

Torna, Torna. Sta casa aspetta a te!

Aprile 19
14:202013

Franco Poidomani e Giovanni CosentiniPoidomani torna al Comune dopo qualche anno di esilio, seppur dorato, in alte amministrazioni. Probabilmente, nel progetto di Cosentini la città non può più fare a meno di colui che, proprio per la sua lunga esperienza sul “territorio” cittadino, ha dato un’impronta indelebile allo sviluppo della città, nel bene o nel male. Ora dunque Cosentini e Poidomani assieme. Per scrivere una nuova pagina urbanistica della città di Ragusa. Il candidato a sindaco delle liste “Territorio”, “Ragusa Grande Di Nuovo”, “Ragusa Domani”, Udc e movimento Megafono, ha incontrato questa mattina, nella segreteria di viale Tenente Lena, il professionista che già nei giorni scorsi aveva fornito la propria disponibilità per avviare un rapporto di collaborazione a titolo gratuito finalizzato ad individuare il migliore percorso urbanistico per il capoluogo ibleo. “Franco Poidomani – dice Cosentini – è un professionista eccellente, un amico e una persona di grande spessore. Aggiungo che, nonostante sia attualmente parecchio impegnato nel suo nuovo ruolo di coordinatore regionale Irsap, la struttura regionale che raccoglie tutte le ex Asi, ha risposto positivamente alla mia richiesta. Un fatto che mi inorgoglisce. Gli ho chiesto questo sacrificio perché, essendo stato in buona parte colmato il gap infrastrutturale della città, con una serie di importanti opere realizzate in questi ultimi anni, Ragusa ha tutti gli strumenti urbanistici in buona parte approvati, ma non attuati. Il Piano regolatore generale, ad esempio, deve essere riscritto. Il Piano particolareggiato dei centri storici è di fondamentale importanza non solo per le implicazioni di carattere urbanistico ma anche, e direi soprattutto, per le ricadute sociali. Non dimenticando, poi, i piani costruttivi. Ecco perché la pianificazione urbanistica necessita di una guida competente. Ed ecco perché ho chiesto a Poidomani di disegnare, al di là delle appartenenze politiche, che pure ci sono e che nessuno intende mettere in discussione, questo nuovo percorso. Dando pieno ascolto, così come abbiamo indicato nel nostro programma, alle esigenze della città, proponendo idee serie e concrete, progetti alla mano”.

Franco Poidomani, dal canto suo, chiarisce che “tutti quelli che mi conoscono sanno che mi sono occupato di Ragusa per trent’anni: dal riconoscimento Unesco al Piano integrato territoriale, giusto per citare alcuni aspetti tra i più caratterizzanti della pianificazione urbanistica di Ragusa. Tornare ad operare per la mia città sotto l’aspetto della pianificazione urbanistica mi entusiasma di per sé. Sgombro il campo da qualsiasi passaggio ideologico, perché provengo da un’area moderata di Sinistra. Devo riconoscere, altresì, che chi ha ricoperto la carica di sindaco negli ultimi anni non ha tenuto in considerazione il fatto che molti tra i progetti attuati portavano la mia firma, dimostrando di volere più il bene della città che puntare alla creazione di un distacco con chi era stato il suo competitore. E questo non può che farmi piacere perché è stato riconosciuto che una parte del lavoro portata avanti era degna della massima considerazione. Quella con Giovanni Cosentini sarà una collaborazione aperta, tra due persone che si stimano e che privilegiano l’amore per la città”.

 

About Author

Direttore

Direttore

Related Articles